Lirio Abbate

Lirio Abbate è un giornalista professionista. Dal 2007 vive sotto scorta a causa di ripetute minacce di morte della mafia. Dal 1990 in poi ha lavorato al Giornale di Sicilia e poi alla redazione di Palermo dell’Ansa. E’ inviato del settimanale L’Espresso. Nel 2006 fu l’unico giornalista presente durante la cattura del capomafia Bernardo Provenzano. Ha ricevuto numerosi premi per le sue inchieste. Nel 2015 l’associazione Index on Censorship di Londra lo ha nominato fra le 17 persone al mondo che lottano per la libertà di stampa. E’ uno dei cento eroi nominati da Reporters Sans Frontieres. E’ socio fondatore e Primo Osservatore di Ossigeno per l’Informazione ONLUS.

Federica Angeli

Federica Angeli è una giornalista. Lavora dal 1998 alla redazione di Roma del quotidiano “La Repubblica” e fa parte dell’Unione Nazionale Cronisti Italiani (UNCI). Dal 2013 vive sotto scorta permanente a causa delle minacce di morte subite mentre raccoglieva informazioni per il suo giornale e per avere testimoniato su un fatto di sangue a cui ha casualmente assistito.

Fabrizio Carotti

Fabrizio Carotti dal 7 febbraio 2011 è direttore generale della Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG). Quarantotto anni, avvocato, dottore commercialista e revisore dei conti, è stato consigliere del CNEL (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro) in rappresentanza della FIEG. Dal 16 giugno 2011 è Presidente dell’ADS (Accertamenti Diffusione Stampa). È vicepresidente Inpgi, Presidente del Fondo Pensione Complementare dei Giornalisti Italiani e Presidente del consorzio Edicola Italiana. Ha svolto attività di docenza e formazione e ha collaborato con diversi quotidiani.

Luigi Ciotti

Luigi Ciotti è un sacerdote e un giornalista pubblicista. E’ il fondatore e il presidente dell’Associazione Libera, che rappresenta i familiari delle vittime delle mafie in tutta Italia. Nato nel 1945 a Pieve di Cadore (Belluno) e cresciuto a Torino. Nel 1965, insieme ad alcuni amici, promuove un gruppo di impegno giovanile che prenderà in seguito il nome di Gruppo Abele. Fra le sue prime attività, un progetto educativo negli istituti di pena minorili e la nascita di alcune comunità per adolescenti alternative al carcere. E’ socio onorario di Ossigeno per l’Informazione Onlus. Ha ricevuto minacce di morte dalla mafia e da un anno vive sotto scorta.

Claudio Fava

Claudio Fava è membro della Camera dei Deputati, giornalista professionista, sceneggiatore e scrittore. Nato a Catania nel 1957. Suo padre, il giornalista Giuseppe Fava, fondatore del mensile I Siciliani, fu assassinato dalla mafia il 5 gennaio 1984 a Catania. Fino al 1986 ha continuato l’opera del padre come direttore de I Siciliani. Ha successivamente lavorato per il Corriere della Sera, il Mattino, L’Espresso, l’Europeo, Avvenimenti e la Rai, in Italia e dall’estero. È deputato della XVII Legislatura (eletto nelle liste di SEL, dal giugno 2014 è iscritto al Gruppo Misto). E’ vicepresidente della Commissione Antimafia e guida il comitato di lavoro che ha svolto una indagine conoscitiva sui giornalisti minacciati in Italia.

Giuseppe Giulietti

Giuseppe Giulietti, giornalista della Rai, è il fondatore e il presidente dell’Associazione Articolo 21. Ha svolto attività sindacale nella FNSI. Nel 1988 fu fra i fondatori del Gruppo di Fiesole. E’ stato segretario dell’Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai collegato alla FNSI. Dal 1994 al 2012 è stato deputato al Parlamento. Ha fatto parte della Commissione parlamentare di vigilanza suel servizio pubblico televisivo.

Pietro Grasso

Pietro Grasso è dal 2013 il Presidente del Senato della Repubblica italiana. Nato a Licata nel 1945, si trasferisce con la famiglia a Palermo dove, dopo la laurea, intraprenderà la carriera di magistrato. Per dodici anni è sostituto procuratore della Repubblica a Palermo. In quel periodo si occupa principalmente di indagini sulla pubblica amministrazione e sulla criminalità organizzata. Nel 1985 è giudice a latere del Maxiprocesso a Cosa Nostra. Dal 1999 è Procuratore della Repubblica di Palermo e nel 2005 è nominato Procuratore nazionale antimafia. Nel 2012 chiede l’aspettativa dal Consiglio Superiore della Magistratura e si dedicarsi all’impegno politico nelle istituzioni.

William Horsley

William Horsley è stato corrispondente estero in Europa e a Tokio per la Bbc. Parteciperà alla conferenza di Roma in rappresentanza dell’Associazione dei Giornalisti Europei (AEJ), di cui è Rappresentante per i Media e la Libertà. Recentemente ha contribuito a creare una nuova piattaforma online che registra gli abusi alla libertà di stampa.

Horsley è Direttore Internazionale del Centro per la Libertà dei Media dell’Università di Sheffield ed è visitng fellow al Centre for Freedom of the Media alla City University di Londra.

Attualmente dirige l’ Initiative on Impunity and the Rule of Law, progetto congiunto delle due università per il rafforzamento della protezione dei giornalisti contro violenze, intimidazioni e censura in tutto il mondo, in cooperazione con l’UNESCO.

L’AEJ è un’associazione in cui ciascun membro è impegnato in uno specifico campo nel paese in cui lavora. È a stretto contatto con il Consiglio d’Europa, nel settore delle campagne per i diritti umani. L’AEJ riveste il ruolo di osservatore nelle riunioni più rilevanti del Consiglio d’Europa, che nel suo sito ospita una nuova piattaforma dedicata ai temi della libertà di stampa http://bit.ly/1Qwss.

Enzo Iacopino

Enzo Iacopino è un giornalista professionista. Dal 2010 è il Presidente del consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti dopo esserne stato per tre anni il segretario generale. Ha lavorato come redattori in vari giornali quotidiani. È stato Presidente della Stampa parlamentare per 12 anni. Negli ultimi anni si è battuto per elevare i bassi compensi dei giornalisti freelance, molti dei quali per ogni articolo ricevono pochi euro.

Radomir Ličina 

Radomir Ličina è uno dei fondatori e proprietari di Danas, il quotidiano politico indipendente di Belgrado, Serbia, di cui attualmente è capo redattore.

Ha un’esperienza di oltre quarantacinque anni come giornalista nei quotidiani dell’ex Jugoslavia (Borba e Naša Borba) e Serbia, ed è stato corrispondente dall’Europa, Sud Asia, Medio Oriente e Stati Uniti.

Ha scritto e tradotto numerosi libri sulla democrazia e la libertà. Per diversi anni è stato membro del Consiglio dell’International Press Institute (IPI) di Vienna.

Ličina è uno dei fondatori del South East European Media Organisation (SEEMO), di cui è anche membro del Consiglio Direttivo.

SEEMO è stato fondato nel 2000 e monitora e combatte gli abusi alla libertà di stampa in Europa Sud Orientale, comprese la Turchia e le Repubbliche dell’ex Jugoslavia.

Raffaele Lorusso

Raffaele Lorusso dal 2015 è segretario generale della Fnsi. Nato a Conversano, in provincia di Bari, il 5 dicembre 1967, è giornalista professionista dal 1999. Dal 200 è redattore del quotidiano “La Repubblica” a Bari. Prima ha lavorato per La Gazzetta del Mezzogiorno). Dal maggio 2009 è stato presidente dell’Assostampa Puglia e membro della Giunta nazionale Fnsi. Laureato in Giurisprudenza all’Università di Bari. Si è occupato in prevalenza di cronaca politica.

Antonio Martusciello

Antonio Martusciello è Commissario dell’Agcom e componente della Commissione Servizi e Prodotti. Nato a Napoli, è laureato in Scienze delle Pubbliche amministrazioni. Dal 1984 al 1993 è Dirigente d’azienda nel settore dei Media e delle Comunicazioni. Nella XII legislatura viene eletto deputato per la prima volta. Nella XIII legislatura entra a far parte delle Commissioni Esteri e Antimafia. Dal 1997 al 2006 è eletto consigliere comunale di Napoli. Dal 1995 al 1998 è nominato consigliere di amministrazione del Regio Teatro San Carlo. Durante la sua carriera politica sarà nominato anche viceministro del Beni Culturali. Svolge attività di docenza nelle università di Roma e Napoli.

Giuseppe Federico Mennella

Giuseppe Federico Mennella è giornalista professionista dal 1976. Giornalista parlamentare, è stato redattore capo dell’Unità e per dodici anni direttore responsabile del quotidiano. E’ stato consigliere per l’informazione e portavoce del ministro del Lavoro tra il 1999 e il 2001. Dopo, fino al 2009, è stato capo dell’ufficio stampa del Senato della Repubblica. È docente di Deontologia della professione giornalistica e responsabile del Laboratorio di Ufficio Stampa all’Università di Roma Tor Vergata. Ha insegnato anche all’Università di Cassino e in diverse scuole di giornalismo.

E’ segretario generale di Ossigeno per l’Informazione.

Lutz Mükke

Lutz Mükke è un giornalista che ha lavorato in Afghanistan e Africa. Autore di due libri accademici sui corrispondenti esteri, lavora per l’ European Institute for Journalism and Communication Research (EIJC) ed è il coordinatore del progetto per il Giornalismo, la Scienza e le Relazioni Internazionali per la Media Foundation della Cassa di Risparmio di Lipsia.

Mukke sarà presente alla conferenza di Roma come direttore dell’ European Centre for Press and Media Freedom (EPMF), un nuovo centro di coordinamento delle attività di giornalisti, avvocati e attivisti. Istituito come European Co-operative Society (ECS), il centro è di proprietà dei suoi membri ed è sostenuto da una vasta e solida rete di sponsor finanziari e sostenitori politici.

La libertà di stampa ha molti significati, dalla sorveglianza di Stato dell’Inghilterra alle intimidazioni mafiose in Italia, fino alle minacce di morte nelle Repubbliche della ex Jugoslavia e dell’ex Unione Sovietica. Finanziato dall’Unione Europea, il progetto ECPMF 2015 supporta giornalisti e operatori dei mezzi di informazione minacciati in Europa, non solo nei Paesi Membri. Sarà creato un centro di risorse unico per rafforzare le capacità pratiche e politiche di tutti coloro che credono e si battono per la libertà dei mezzi di informazione.

Ulrike Schmidt

Ulrike Schmidt è funzionaria nell’Ufficio del Rappresentante per la Libertà dei Media a Vienna.

Renate Schroeder

Renate Schroeder è direttrice di EFJ, per cui lavora dal 2013, mentre dal 1993 fa parte dell’IFJ. Rappresenta l’EFJ negli incontri internazionali. L’EFJ è una federazione che rappresenta 60 associazioni e unioni di giornalisti in 41 paesi europei che promuovono lo status sociale e professionale dei giornalisti ed è membro dell’European Trade Union Federation, oltre ad essere membro osservatore al Consiglio d’Europa.

Renate ha studiato scienze politiche e relazioni internazionali a Boston e Berlino. Prima di unirsi al gruppo di Bruxelles ha lavorato per le Nazioni Unite, la Friedrich Ebert Foundation, la Deutsche Stiftung fuer Entwicklung (DSE). Parla tedesco, inglese, francese e italiano.

Alberto Spampinato

Alberto Spampinato è giornalista dal 1976 e consulente esperto della protezione dei giornalisti minacciati per l’OSCE e per la Commissione parlamentare Antimafia. E’ fratello minore di Giovanni, giornalista investigativo del quotidiano L’Ora di Palermo, ucciso nel 1972 in Sicilia. Giovanni Spampinato è stato minacciato e poi ucciso per il suo lavoro investigativo.

Dal 2007 al 2011 Alberto Spampinato è stato consulente per la FNSI, sindacato italiano dei giornalisti. Ha lavorato come giornalista professionista per il quotidiano L’Ora fino al 1992, e per l’agenzia di stampa ANSA, dove si è occupato di politica, affari parlamentari e ha seguito per 14 anni l’attività del presidente della Repubblica. E’ fondatore e presidente di Ossigeno per l’Informazione.

Jane Whyatt

Jane Whyatt è la manager del progetto del Centro Europeo per la Libertà di Stampa e Media di Lipsia, in Germania. Giornalista e accademica di lungo corso, ha lavorato come caporedattrice, inviata dalle isole Falkland, ha prodotto da indipendente centinaia di programmi della Bbc e insegnato nelle più importanti scuole di giornalismo di Londra.

Whyatt ha una grande esperienza come membro attivo dell’Unione Nazionale dei Giornalisti dell’Inghilterra e come ricercatrice per la Campagna per la Stampa e la Libertà delle emittenti di Londra.

Per creare una reale differenza rispetto al panorama dei media, Whyatt ha fondato l’Angel Media Productions CIC, un’azienda no profit che scopre e valorizza diversi talenti nel campo dei media e nella musica. L’azienda offre formazione ed esperienze lavorative ai nuovi giornalisti di tutte le età ed esperienze e ha prodotto un documentario sull’immigrazione per la Bbc.

Nell’ambito del progetto ECPMF il suo ruolo comprende coordinare le attività delle organizzazioni partner, fare il resoconto degli eventi e creare contenuti per il sito www.ecpmf.eu.

È responsabile per la trasparenza e coordina il lavoro di giornalisti, avvocati e attivisti per le libertà digitali.

Sergio Zavoli

Sergio Zavoli, nato a Ravenna nel 1923, è un decano del giornalismo italiano. Maestro e guida di varie generazioni di cronisti ed eminente innovatore della professione, dal 2001 è senatore della Repubblica. È stato presidente della Rai dal 1980 al 1986, dopo una prestigiosa carriera giornalistica all’interno dell’azienda pubblica radio-televisiva, per la quale è stato cronista di punta, redattore, direttore del Giornale Radio e autore di programmi di grande ascolto che hanno segnato la storia della radio e della televisione italiane: da Processo alla tappa, dedicato al ciclismo, a Nascita di una dittatura a La Notte della Repubblica, grandi inchieste sull’avvento del fascismo, sul terrorismo e gli “anni di piombo”.

Nel 2007 la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma Tor Vergata gli ha conferito la laurea magistrale honoris causa in Editoria e Giornalismo. Per la sua intensa attività di cronista, di scrittore e di poeta ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio Bancarella. Dal 2013 è il presidente onorario di Ossigeno per l’Informazione.