Memoria

10 maggio. Borsatti: altri incontri per Guido Columba

La giornalista, moglie dell’ex presidente dell’Unci scomparso a ottobre 2018, lo ha annunciato a Montecitorio al convegno di Ossigeno

“Certamente Guido Columba era dalla parte dei cronisti precari e anche oggi sarebbe schierato con loro”, ha detto la giornalista Luciana Borsatti, moglie di Columba e suo collega all’agenzia Ansa, ricordando la figura dell’ ex presidente dell’Unione Nazionale Cronisti scomparso il 13 ottobre 2018 dopo una lunga malattia che lo ha allontanato dall’impegno di sindacalista e di difensore della libertà di cronaca per il quale è stato molto apprezzato. Il 10 maggio 2019 Luciana Borsatti è intervenuta al convegno “Molta mafia, poche notizie”, promosso da Ossigeno per l’informazione con il patrocinio dell’Unesco e in collaborazione con l’Ordine dei giornalisti del Lazio, per dire che saranno organizzati degli incontri pubblici in tutta Italia per ricordare la figura e l’insegnamento di Guido Columba.

Questi incontri faranno seguito a quello che si è svolto a Roma, al quale hanno partecipato, fra gli altri, il direttore di Ossigeno, Alberto Spampinato, e due cronisti precari che hanno subito minacce e abusi, Amalia De Simone e Daniele Piervincenzi, che hanno raccontato le loro vicende e hanno chiesto nuovi “inquadramenti contrattuali” quali unici che possono consentire ai cronisti di svolgere serenamente e fino in fondo il loro lavoro e allo stesso tempo fornire maggiori tutele in caso di minacce e querele temerarie.

RDM

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.