Libertà di stampa

8 maggio. Morcellini (Agcom): Allearsi per aumentare ossigeno informazione

L’Autorità collaborerà con Ossigeno e con altri per fare proposte di azione concrete. Individuate quattro tipologie di minacce: fisiche, intelletuali, psicologiche, economiche

“Con Ossigeno per l’Informazione e con tutti i soggetti associativi metteremo insieme proposte concrete d’azione e di sapere. Non bastano le denunce. L’autorità farà di tutto per diventare punto di riferimento e di garanzia e per aumentare l’ossigeno per l’informazione grazie alla sapienza delle alleanze”: lo ha detto il professor Mario Morcellini, Commissario Agcom, al convegno organizzato l’8 maggio in Campidoglio dall’Autorità per le Comunicazioni e da Ossigeno per l’Informazione – in collaborazione con l’Ordine del Lazio e con il patrocinio dell’Unesco – in occasione della Giornata Mondiale della Libertà di Stampa.

Morcellini, in veste di moderatore della tavola rotonda “L’informazione sulla criminalità organizzata: rischi dei giornalisti e sistemi di protezione”, ha definito i presenti – relatori, istituzioni, giornalisti, studenti  –  “un pezzo di un movimento culturale senza bandiere. Mi piacerebbe che uscissimo da questa stanza con due o tre parole in grado di riassumere una diversa energia positiva di cittadinanza”.

Il professore ha sottolineato come i dati tendano a cogliere troppo poco il clima culturale circostante e ha collegato la presenza delle minacce a un indebolimento del tessuto connettivo della società. Ripercorrendo le parole del presidente Agcom Cardani, il Commissario Morcellini ha distinto quattro tipologie di minacce: fisiche; intellettuali;  psicologiche – che tendono a modificare il comportamento del minacciato senza che quest’ultimo se ne renda conto – ed economiche. Morcellini ha sottolineato come quest’ultima categoria sia stata elemento comune in tutti gli interventi dei relatori. “La minaccia economica – ha detto – si traduce in un eccesso di precarietà. E’ necessario fare un’analisi precisa dei danni che questo eccesso produce nella vita pubblica . La precarietà ha indebolito e reso più facile la perdita di qualità dell’informazione, che è il terreno di cultura dove le minacce prosperano”.

“Sento parlar bene del lavoro flessibile – ha detto Morcellini – ma quelli che me ne parlano hanno il posto fisso. Se non riformeremo il compenso per gli articoli significa che non saremo coerenti con la varietà delle cose che abbiamo detto”.

RDM

Video. Riascolta l’intervento integrale sul sito di Radio Radicale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.