Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Agente aggredisce cronista. Roma calcio prende le distanze

Gianluca Lengua (Messaggero) è stato sbattuto contro un muro – Aveva filmato la cena dei giallorossi prima della finale di Conference League. Le scuse sono arrivate dopo la protesta di cdr e sindacato

OSSIGENO 12 luglio 2022 – Un uomo del servizio di sicurezza della squadra di calcio Roma, nella serata del 17 maggio 2022 ha aggredito il cronista sportivo del Messaggero Gianluca Lengua. E’ accaduto a Roma  presso un ristorante all’aperto in cui stavano cenando i calciatori della squadra che l’indomani avrebbero giocato (e vinto) la partita finale di Conference League.

Gianluca Lengua, collaboratore del giornale romano, insieme a due colleghi aveva chiesto di scattare qualche foto dei calciatori a tavola e aveva ricevuto risposta negativa. I colleghi hanno aggirato il divieto rivolgendosi ad una signora affacciata a un balcone che offriva un’ottima vista della tavolata. L’inquilina ha consentito loro di accedere al balcone per effettuare foto e riprese. Gli uomini del servizio di sicurezza se ne sono accorti e hanno reagito attendendo i giornalisti all’uscita del palazzo. Gianluca Lengua, che non era salito nell’appartamento della signora, ha cominciato a girare questa scena davanti al portone, e i bodyguard gli hanno intimato di mostrare le riprese video che stava effettuando. Al suo rifiuto, uno di loro lo ha spinto contro il muro (vedi). L’intervento della polizia ha bloccato l’aggressione.

Dopo l’immediata protesta dei giornalisti e del c.d.r. del Messaggero (leggi), dell’Associazione Stampa Romana e della FNSI, la dirigenza della Roma ha presentato le scuse al cronista e ha fatto sapere di avere preso provvedimenti contro l’aggressore, assicurando di avere chiesto all’azienda di sicurezza di cui è dipendente di escluderlo da ulteriori incarichi per la società Roma Calcio.

IL CRONISTA E LE SCUSE – Contattato da Ossigeno, Gianluca Lengua ci ha ringraziato per l’interessamento e ha preferito non rilasciare dichiarazioni. Ci ha però raccontato di come la dirigenza della Roma si sia prontamente scusata con lui personalmente e con il giornale.

PEER SUPPORT – Ossigeno per l’informazione esprime solidarietà a Gianluca Lengua e gli consiglia di procedere per vie legali contro l’uomo che lo ha aggredito. Il problema della violenza contro i giornalisti che documentano fatti in situazioni di rischio senza protezione, si ripresenta ciclicamente (leggi Ossigeno). Quanto accaduto al cronista dimostra che gli incidenti possono capitare e che occorrono soluzioni condivise per consentire di lavorare in sicurezza. Ossigeno apprezza l’atteggiamento della società, che si è scusata e ha provveduto alla rimozione dell’aggressore dal suo incarico. LT

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.