Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Violazioni verificate

Carsoli.Cronista e operatore Rai denunciano aggressione

Serena Massimini e Ennio Balducci stavano effettuando riprese nella zona industriale in provincia dell’Aquila quando sono intervenuti due imprenditori

Il 5 ottobre 2019, a Carsoli (L’Aquila), la giornalista della Tg Rai Abruzzo Serena Massimini e l’operatore Ennio Balducci sono stati aggrediti da due imprenditori petroliferi mentre effettuavano riprese nella zona industriale dove da tempo i comitati cittadini denunciano “odori sgradevoli”. Massimini e Balducci avevano appena terminato di filmare immagini di copertura da una strada statale, quando sono stati raggiunti da due imprenditori a bordo di due auto.

I due hanno contestato che fosse stata ripresa anche la loro azienda e hanno tentato di impedire il lavoro dei cronisti. A raccontarlo è stata la stessa Serena Massimini nel servizio trasmesso nell’edizione serale del Telegiornale regionale del 5 ottobre 2019: “Ci hanno aggrediti – dice – prima a parole, poi fisicamente. Mi hanno bloccato, circondato, hanno stretto le mie braccia e le mie mani, hanno preso il mio telefono”. Serena Massimini ha precisato a Ossigeno che il cellulare poi le è stato restituito. La giornalista si è recata al pronto soccorso di Tagliacozzo (AQ) e ha presentato una denuncia per l’accaduto.

Sul caso sono intervenuti l’Ordine dei Giornalisti, la Fnsi, l’Assostampa, l’Usigrai e il Cdr TgR Abruzzo per esprimere solidarietà alla giornalista e all’operatore.

I due imprenditori hanno scritto alla Rai, affermando di essere stati diffamati dalla ricostruzione giornalistica andata in onda e hanno querelato la cronista. Serena Massimini ha dichiarato a Ossigeno di non avere ancora ricevuto alcuna comunicazione formale della querela.

RDM

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.