Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Cerignola. Minacce a inviata Rai per domande su uno stupro

Nicole Di Giulio è stata affrontata dal proprietario del garage in cui sarebbe stato commesso il fatto. Scuse dal sindaco a nome della cittadinanza

OSSIGENO 11 novembre 2022 – Il 1° novembre 2022, a Cerignola, in provincia di Foggia, un uomo, secondo alcuni il proprietario della rimessa in cui si sarebbe consumato lo stupro ai danni di una 13enne (leggi), ha minacciato la giornalista Nicole Di Giulio (inviata della trasmissione ‘Ore 14’ di Rai2) che era lì per raccogliere testimonianze per un servizio televisivo. Quando lei ha provato a fargli qualche domanda, l’uomo ha risposto: “Sono notizie vaghe, non c’è niente di che. Ognuno si deve assumere le responsabilità delle schifezze che fa nella vita”. Subito dopo l’ha invitata ad andare via.

“Non sono tenuto a dirti niente – ha aggiunto l’uomo, con tono alterato -. So solo che siete fuori luogo e fuori orario. Non registrare altrimenti te ne vai carica di meraviglie. Sono un criminale. Hai capito che ti fai male? Tu non arrivi a destinazione”. La giornalista e la troupe, per evitare incidenti, si sono allontanati a distanza di sicurezza per fare il previsto collegamento in diretta. Le frasi minacciose sono state registrate. La Rai le ha fatte ascoltare al pubblico durante il programma condotto da Milo Infante (vedi).

LE SCUSE DEL SINDACO – Il sindaco di Cerignola Francesco Bonito ha commentato: “Condanno fermamente la vergognosa aggressione ai danni di una troupe della Rai. Certe condotte qualificano solo gli indegni che le attuano, e non di certo un’intera comunità che all’unisono prende le distanze da ogni tipo di violenza”.

Ossigeno per l’informazione esprime pubblica solidarietà alla giornalista per le minacce subite mentre faceva il suo lavoro. LT

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.