Osservatorio

Fake news e post verità. Occorre una conferenza con tutte le parti in causa

(…) Nel corso di una conferenza sull’informazione, organizzata con oratori competenti e rappresentativi, si potrebbe discutere e confrontarsi, concedendo a ciascuno il tempo necessario, affrontando anche altre questioni annesse e connesse delle quali non si ha mai occasione di parlare e delle quali, duole dirlo, non si discute neppure sui giornali.

C’è questa predisposizione a discutere pacatamente e a confrontarsi? O c’è soltanto voglia di agitare i pugni e di fare propaganda? Noi siamo degli inguaribili ottimisti. Pensiamo che prima o poi questa conferenza si dovrà fare e si farà. Perciò lavoreremo per mettere attorno a un tavolo tutte le parti in causa, per organizzare una costruttiva “conferenza di pace” e formare un’unione dei volenterosi con tutti coloro che vogliono combattere i veri nemici della libertà di stampa e non soltanto polemizzare con i loro avversari e competitori politici. CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.