Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Violazioni verificate

Che cosa ci suggerisce di fare l’aggressione a Saverio Tommasi a Firenze: un protocollo

Il giornalista di Fanpage critico verso i no-vax è stato riconosciuto e attaccato. E’ stato difeso dalla polizia. Ossigeno propone un codice per la partecipazione dei cronisti a eventi in cui è prevedibile che la loro sicurezza personale sia a rischio

OSSIGENO 30 luglio 2021 – Sabato 24 luglio 2021 a Firenze il giornalista Saverio Tommasi, collaboratore di Fanpage, è stato insultato e spintonato da numerosi partecipanti alla manifestazione di protesta contro l’introduzione del “green pass” per i vaccinati anti Covid.

Nelle settimane precedenti Saverio Tommasi aveva pubblicato commenti critici contro i cosiddetti No Vax e le loro posizioni secondo le quali i vaccini e molte misure pubbliche per il contenimento della pandemia sarebbero liberticide. A Firenze partecipava al corteo con la sua telecamera accesa per intervistare i manifestanti. Alcuni di loro lo hanno riconosciuto, hanno cominciato a insultarlo e ad additarlo agli altri che hanno preso anch’essi a insultarlo e ad alzare le mani contro di lui, che rivendicava il diritto di fare ciò che stava facendo. La situazione stava degenerando quando alcuni agenti di polizia in servizio d’ordine sono intervenuti e hanno protetto il cronista dagli aggressori. La scena è stata ripresa dallo stesso Saverio Tommasi che ha pubblicato il video sulla sua pagina Facebook.

Ossigeno esprime solidarietà a Saverio Tommasi e ripropone le proposte formulate a dicembre 2020 per rendere meno rischiosa la partecipazione dei giornalisti a queste e altre manifestazioni (leggi)

L’Ordine dei Giornalisti della Toscana, AST e FNSI hanno espresso solidarietà al giornalista (leggi qui), che ha ricevuto messaggi pubblici di vicinanza anche dal sindaco Dario Nardella e dallo scrittore Roberto Saviano.

Il 27 luglio 2021 Saverio Tommasi ha pubblicato una lunga risposta a chi lo ha aggredito (leggi qui), nella quale scrive: “Le dittature iniziano picchiando i giornalisti, non con il green pass, l’ha ricordato il mio direttore Francesco Cancellato”.

Il segretario nazionale di Sinistra italiana, Nicola Fratoianni, ha annunciato un’interrogazione alle ministre dell’Interno e della Giustizia perché siano puniti i responsabili dell’aggressione (leggi qui). Insulti ai giornalisti sono stati segnalati anche nelle manifestazioni di Roma e Milano (leggi qui). GB

LEGGI ANCHE

Come prevenire molte aggressioni ai giornalisti che documentano il Covid e le proteste 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.