Aggiornamenti

Genova. Pm chiede 16 mesi di carcere per i 4 poliziotti che picchiarono Stefano Origone

Il processo si svolge con rito abbreviato. Prossima udienza il 20 gennaio 2021. Il giornalista ha subito danni permanenti a una mano

ANSA – GENOVA, 16 dicembre 2020 – La procura di Genova ha chiesto la condanna a un anno e quattro mesi per ciascuno dei quattro poliziotti che il 23 maggio 2019 picchiarono il giornalista della Repubblica Stefano Origone: avvenne a Genova durante degli scontri di piazza. Gli agenti dissero di averlo scambiato per un manifestante. Il cronista, che stava seguendo gli scontri tra agenti e antifascisti che protestavano contro il raduno di simpatizzanti di Casapound, aveva riportato la frattura di due dita di una mano mentre parava i colpi di manganello.

L’udienza del processo con rito abbreviato è  stata rinviata al prossimo 20 gennaio e la sentenza potrebbe arrivare il 10 febbraio. Secondo il pubblico ministero c’e’  stato concorso tra le parti nel corso dell’azione.  Nel corso dell’udienza sono stati proiettati i filmati degli scontri e poi dell’aggressione.

Uno dei legali degli agenti, l’avvocato Paolo Costa, ha sostenuto, rifacendosi all’informativa della squadra mobile, che Origone era troppo vicino ai fatti e poteva essere scambiato per un manifestante.

“Mi sembra incredibile che vengano a fare le pulci su come un giornalista debba fare il suo mestiere – ha detto Il giornalista – io ero in mezzo alla gente perché  il mio lavoro si fa cosi’  e non sono certo un poliziotto e un avvocato che mi devono spiegare come si faccia”. (ANSA).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.