Giornalisti. 3600 intimidazioni accertate dal 2006

Il segretario del sindacato dei giornalisti abruzzesi ha citato i dati di “Ossigeno per l’Informazione” a riprova dell’ampiezza dell’attacco alla professione
PESCARA, 12 Luglio 2018 – Dal 2006 ad oggi, sono oltre 3.600 le intimidazioni accertate e certificate come violazioni della liberta’ di stampa. Di queste 137 solo nei primi 5 mesi del 2018 di cui: 2 in Abruzzo, 19 in Lazio, 22 in Sicilia, 37 in Campania. Oltre 6.800 sono invece i procedimenti avviati ogni anno nei tribunali italiani, oltre 5.000 le querele ritenute infondate (quasi il 90% del totale), piu’ di 45 milioni di euro le richieste danni. Sono solo alcuni dei dati raccolti da Ossigeno per l’informazione e diffusi dal segretario del Sindacato dei Giornalisti Abruzzesi e componente della Giunta esecutiva della Fnsi, Ezio Cerasi, nel corso dell’incontro organizzato a Pescara, dal titolo “Armi&Bavagli contro la liberta’ di stampa”.

“Il precariato e le minacce esprimono l’attacco ai Giornalisti e alla professione giornalistica e dunque l’attacco all’articolo 21 della Costituzione – ha detto il segretario Sga – un attacco che limita il dovere di noi giornalisti ad informare i cittadini e il diritto dei cittadini ad essere informati. Non servono altre parole per capire la condizione di un cronista precario e o minacciato”. All’incontro hanno partecipato anche il giornalista sotto scorta e presidente di Articolo 21 Paolo Borrometi, il presidente dell’Ordine regionale dei giornalisti, Stefano Pallotta, il procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Pescara, Massimiliano Serpi e l’avvocato Ugo Di Silvestre, consigliere dell’ordine forense. (ANSA). 12-LUG-18 19:53

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.