Editoriale

Il caso Brumotti. Il giornalismo seduto e quello “on the road”

Per i suoi servizi sullo spaccio, che dimostrano la possibilità di fare buona informazione in tv, l’inviato di Striscia la Notizia è stato aggredito 8 volte in due mesi

C’era una volta il giornalista della carta stampata, colto, fascinoso, garantito nei diritti, protetto e sostenuto dall’editore, invitato nei migliori salotti borghesi, ma soprattutto temuto e rispettato dall’opinione pubblica e dalla politica.

C’è invece oggi il giornalista moderno, precario, senza editore, scansato dalla politica e dai cittadini con malcelato fastidio.

Non c’è dubbio che parte della colpa di questa degradazione della funzione giornalistica sia da attribuire al giornalismo stesso, che negli anni si è seduto sugli allori, ha cercato apparentamenti nelle stanze del potere, ha inseguito il facile profitto pubblicitario con tutti gli indicibili compromessi che questo ha comportato e, a un certo punto, ha sfondato il video della televisione mostrando il volto peggiore del giornalismo che conosciamo oggi: spettacolare, aggressivo, spesso cinico e impietoso. Tutto questo ha generato antipatia e sospetto presso i cittadini i quali, da un po’ di tempo a questa parte, ritengono di poter picchiare impunemente un giornalista, solo perché ha osato fare bene il suo lavoro. Perché tanto si sa, i giornalisti se le vanno a cercare e quindi se le meritano.

Occorre anche dire, però, che da qualche tempo a questa parte il giornalismo televisivo ha alzato molto il suo livello di qualità e utilità sociale, e ha trovato un nuovo punto di equilibrio tra etica professionale e spettacolarizzazione dell’informazione, purtroppo non rinunciabile nei prodotti televisivi.

Il caso di Brumotti di Striscia la Notizia (Leggi) è emblematico. Il suo prodotto giornalistico è valido, è utile, tanto da sostituirsi a ciò che dovrebbe essere compito delle forze dell’ordine. Eppure è stato pesantemente aggredito due giorni fa a Napoli per la sesta volta in due mesi.

La triste verità è che Brumotti, non di meno di Daniele Piervincenzi (aggredito da Roberto Spada) paga sulla sua pelle, speriamo dura, le conseguenze sociali della irreversibile delegittimazione in cui è caduta la professione giornalistica. La magistratura darà certamente segnali concreti di risposta, ma il giornalismo non deve cadere nel vittimismo. Deve continuare a recuperare terreno e credibilità attraverso l’abbandono degli errori che ha commesso in passato e, soprattutto, attraverso l’informazione di qualità, che anche in ambito televisivo è ancora possibile.

L’avvocato Andrea Di Pietro è il coordinatore dell’Ufficio di Assistenza Legale di Ossigeno per l’Informazione

ADP

2 commenti
  1. Giovanni
    Giovanni dice:

    il lavoro svolto dal caro brumotti,purtroppo,non serve a nulla.anzi,butta in fumo il lavoro svolto dalle forze dell’ordine in materia di lotta allo spaccio.e vi spiego.preferite un uovo oggi o la gallina domani?in questo caso gli spacciatori sono il gradino più basso di una catena ben più articolata e facilmente sostituiti in caso di arresto,mentre chi fornisce di droga questi pesci piccoli fà arrivare nelle nostre strade tonnellate di droga.
    riflettete

    Rispondi
  2. Adduso Sebastiano
    Adduso Sebastiano dice:

    Onore a questo giornalista come a tutti quelli e chiunque, che con coraggio e onestà intellettuale fa il proprio lavoro. Bisogna tuttavia essere in un contesto che garantisce comunque un minimo di protezione e indipendenza per potersi così esporre. Uno qualsiasi a quest’ora, in particolare in quella situazione, probabilmente sarebbe già da tempo almeno in ospedale e senza alcuna tutela politica e soprattutto giudiziaria. Purtroppo in questa ipocrita (e criminale) Italia, tutta trasversalmente, da destra a sinistra “politically correct” (politicamente corretta) è ormai più conveniente e salutare e non solo per i giornalisti, fare gli allineati e i cortigiani (e mi fermo qui) che provare a raccontare, non solo i veri fatti, ma specialmente permettersi di esprimere una legittima critica al sistema, soprattutto se precisa, salvo non fare propaganda per qualche fazione, poiché a partire dalla politica e a seguire, istituzioni, giustizia, burocrazia, corporazioni, sindacati, ecc. hanno di tutta evidenza interiormente (e pure manifestatamente) irrobustito e purtroppo anche diffuso quale esempio per tante generazioni, una mentalità arrogante, egocentrica, narcisista, misantropa, insofferente, prevaricatrice, nazista, stalinista e sociopatica (o forse persino psicopatica dalla nascita). Poi a livello locale, provinciale e regionale, viene da vomitare a vedere le pletore politiche che scorrono sotto i nostri occhi con i rispettivi innumerevoli codazzi di mantenuti e lucciole, tutti altrettanti mercanti di concittadini, insieme a certa cosiddetta informazione da corteo. In tale contesto pubblico-politico-etico nazionale ormai degradato, proliferano anche le criminalità organizzate come pure quelle di condominio, quartiere, città. Come se ne esce ?

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.