Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Violazioni verificate

Revenge porn contro il giornalista che denuncia vendette e ricatti online

Indaga la polizia postale per le minacce su Telegram contro Lorenzo Rotella, autore di due inchieste che hanno svelato come vanno le cose

OSSIGENO – 9 MARZO 2021 – Il giornalista Lorenzo Rotella, 30 anni, è stato insultato, minacciato e ricattato con messaggi online per avere denunciato con due inchieste giornalistiche lo squallore e i ricatti che avvengono in rete con il cosiddetto “revenge porn”. Scrivi subito ciò che vogliamo noi, o noi facciamo girare foto tue e delle tue amiche, gli hanno ingiunto. Lorenzo Rotella ha denunciato le minacce ai carabinieri e alla polizia postale, che stanno indagando. Ha oscurato i suoi profili social per tutelare se stesso e i suoi amici, ma afferma: “Non intendo dargliela vinta”.

L’INCHIESTA è stata realizzata frequentando alcuni gruppi del social network Telegram nei quali si pratica il
revenge porn, ovvero la condivisione illecita di immagini private di ex fidanzate o amiche delle quali ci si vuole vendicare perché hanno messo fine a una storia d’amore o che si vogliono semplicemente ricattare per guadagnare. La prima inchiesta è stata pubblicata su LandNews il 26 dicembre 2020 (leggi qui). L’altra, il 26 febbraio 2021 sull’edizione cartacea di Libera Stampa L’Altomilanese e il 28 febbraio sulla versione online del settimanale
milanese (leggi qui),

LE MINACCE – Gli insulti sono arrivati appena Lorenzo Rotella ha rilanciato quest’ultima versione attraverso i suoi profili social. Poi sono arrivate le minacce di rappresaglia, mettendo nel mirino anche i suoi amici.

IL VIDEO – Poche ore dopo, su un profilo falso di Instagram intestato Lorenzo Rotella, è stato pubblicato un video che mostra un uomo mentre si masturba davanti alla fotografia di un’amica del giornalista. Il video ha ottenuto numerosi commenti anche sui gruppi Telegram, con i quali si invitava a imitare il gesto. Lorenzo Rotella ha immediatamente segnalato il profilo falso a Instagram, che lo ha rimosso dopo pochi minuti.

IL GIORNALISTA – «Queste persone si sentono forti e protette all’interno dei propri canali Telegram, fintanto che nessuno ne parla in maniera approfondita. Evidentemente i miei articoli hanno toccato un tasto dolente e perciò pare che vogliano farmela pagare. Ma non intendo dargliela vinta e proseguo con il mio lavoro, anche per chi mi sta vicino. È importante scavare e parlarne, è un fenomeno poco conosciuto e troppo pericoloso. Ogni giorno
sono innumerevoli le vittime inconsapevoli di questo sistema che bisogna fermare e denunciare». GB

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.