Violazioni verificate

Roma. Acca Larentia, minacciate due croniste

Da un esponente dell’estrema destra che poi ha colpito la telecamera. Solidarietà da categoria e politica

«Non puoi fare le riprese! Vuoi vedere che ti spacco la telecamera?», ha intimato Andrea Antonini, vicepresidente di Casapound alla giornalista Wendy Elliot e a una videomaker dell’agenzia di stampa LaPresse. Antonini ha colpito la telecamera, ma altri due manifestanti lo hanno trattenuto e fatto allontanare.

E’ accaduto il 7 gennaio 2020, davanti alla sede del Movimento sociale italiano di via Acca Larentia, durante la manifestazone organizzata per commemorare i due giovani attivisti del Fronte della Gioventù uccisi il 7 gennaio 1978 nello stesso luogo. Alla manifestazione, in strada, stavano partecipando centinaia di militanti di estrema destra che, quando è stato scandito il nome delle vittime, hanno inneggiato in coro gridando “Presente” alzando il braccio teso nel saluto romano.

SOLIDARIETA’ alle giornaliste è stata espressa dalla Fnsi e dalla Cpo del sindacato dei giornalisti (leggi), dall’Usigrai e da Giulia (leggi). Sull’episodio è intervenuto anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Andrea Martella esprimendo la propria vicinanza alle giornaliste (leggi).

PRECEDENTI – Un anno fa nella stessa ricorrenza, durante una commemorazione collettiva al cimitero romano del Verano, i giornalisti dell’ Espresso, Federico Marconi e Paolo Marchetti erano stati aggrediti e rapinati. Per quei fatti il leader di Forza Nuova, Giuliano Castellino è sotto processo, accusato di aggressione e rapina. Ossigeno si è costituito parte civile. Federico Marconi e Paolo Marchetti (L’Espresso) sono difesi gratuitamente dal servizio assistenza legale di Ossigeno. La prossima udienza si terrà il 20 febbraio 2020.

Leggi le precedenti notizie

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.