Segnalazioni dalle ONG e dalle istituzioni

Segnalazioni dalle ONG e dalle istituzioni

7 aprile 2020 – di Luciana Borsatti – Rassegna di Ossigeno. In breve gli argomenti principali trattati dai siti web e dalle newsletter delle associazioni e delle organizzazioni internazionali per la libertà di stampa

STRASBURGO – La Commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa, Dunja Mijatović, sottolinea che la libertà di stampa non deve essere minata dalle misure governative per combattere la disinformazione sul coronavirus. Purtroppo, rileva, alcuni governi stanno usando questa necessità come pretesto per introdurre restrizioni sproporzionate. LEGGI 

PARIGI  – Reporters Without Borders (RSF) teme, come molti altri, che il governo ungherese possa prendere pieno controllo dei media nazionali e fa appello alle istituzioni europee affinché prevengano la cancellazione della libertà di stampa e, con essa, della democrazia in Ungheria. LEGGI 

NEW YORK – Il Committee to Protect Journalists denuncia che i giornalisti rischiano il carcere e le minacce per le loro cronache sulla pandemia, e citano in particolare i casi di Algeria, Slovenia e Kashmir. In Iraq, inoltre,  è stato sospeso per tre mesi il permesso alla Reuters per un servizio che ipotizzava che i contagi fossero di più di quelli ufficiali. LEGGI

TORONTO –  L’IFEX figura tra le circa 30 organizzazioni per la libertà di stampa che hanno firmato un appello per l’urgente rilascio dei giornalisti e difensori dei diritti umani nelle carceri turche, ora a rischio contagio. In Parlamento è approdata una legge che dovrebbe liberare fino a circa 100 mila detenuti, ma si teme che i giornalisti ne siano esclusi. LEGGI 

BRUXELLES  – La  European Federation of Journalists (EFJ) segnala il manuale “Viral Lies: Misinformation and the Coronavirus” di Article 19. Il giornalismo professionale, l’indipendenza e competenza dei media, la trasparenza dei governi e la libera circolazione della informazione sono il migliore antidoto alla disinformazione e alle teorie complottistiche. LEGGI 

VIENNA/BELGRADO – Il Rappresentante OSCE per la libertà dei media, Harlem Désir, e il capo della Missione Osce in Serbia, Andrea Orizio, accolgono con favore la decisione del governo serbo di non procedere con il piano di centralizzazione della pubblica informazione sulla pandemia. LEGGI

VIENNA – L’ International Press Institute (IPI) chiede all’Egitto di liberare tutti i giornalisti detenuti per prevenire il contagio da coronavirus. Oltre 60 giornalisti sarebbero ora nelle carceri egiziane,  sovraffollate e senza assistenza medica adeguata. Fra loro anche il membro dell’IPI e giornalista di Al Jazeera Mahmoud Hussein LEGGI 

NEW YORK – Lo Sri Lanka usa la pandemia per limitare la libertà di espressione, denuncia Human Rights Watch.  La polizia ha avuto l’ordine di arrestare coloro che “criticano” le autorità in merito alle misure anti- contagio o diffondono messaggi “falsi” o “maligni” sulla pandemia. LEGGI  

LB

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.