Leggi e sentenze

Seguì i No Tav. Confermata condanna

Per Davide Falcioni (Fanpage) la Corte d’Appello di Torino non ha modificato i 4 mesi di reclusione per violazione di domicilio

Il 7 febbraio 2019 la Corte d’Appello di Torino ha confermato la condanna a quattro mesi di reclusione per concorso in violazione di domicilio per il  giornalista Davide Falcioni, collaboratore di FanPage. Falcioni era stato condannato in primo grado, a Torino, il 9 aprile 2018. (leggi)

Era finito sotto processo nell’ottobre del 2015 per aver seguito i manifestanti del movimento No Tav entrando insieme a loro, senza specifica autorizzazione, all’interno degli uffici dell’azienda Geovalsusa s.r.l. di Torino, per documentare giornalisticamente la manifestazione. I fatti risalgono ad agosto del 2012 (leggi).

“Stavolta è dura: non solo la mia difesa, ma la stessa accusa aveva esplicitamente richiesto la mia assoluzione ai sensi dell’articolo 131bis. – ha scritto Falcioni su Facebook –  L’incubo sembrava finito. Ciononostante i giudici hanno confermato la sentenza di condanna già emessa in primo grado. Ricorreró in Cassazione, anche se è sempre più forte il timore di avere a che fare con un muro di gomma. Andiamo avanti”.

RDM

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.