Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Toscana. 4 redazioni e sindacato giornalisti attaccati da ‘No Wax’

Scritte minacciose e insulti sui social firmati con una W cerchiata per contestare articoli favorevoli alle vaccinazioni

OSSIGENO 20 maggio 2022 – In Toscana nel giro di due settimane quattro redazioni hanno subito minacce e insulti perché ospitano notizie favorevoli alle vaccinazioni anti Covid, da loro definite “criminali e collaborazioniste”.

Gli attacchi sono firmati con una grande W cerchiata di rosso.

Le redazioni sotto attacco sono Tvl, NoiTv, ToscanaMediaNews e QuiNews. Sono stati attaccati anche il sito web e i profili social dell’Associazione Stampa Toscana, il sindacato dei giornalisti, che aveva espresso solidarietà ai colleghi. Sugli episodi indagano le forze dell’ordine.

TVL – Il primo episodio si è verificato contro la redazione di Tvl, a Pistoia. Maurizio Tintori, caporedattore, racconta a Ossigeno: “Nella notte fra l’1 e il 2 maggio la facciata della nostra sede è stata imbrattata con scritte rosse. Si legge ad esempio ‘Menzogna + censura = dittatura’. Forse gli autori del gesto sono stati costretti a fermarsi dall’arrivo di qualcuno, perché alcune frasi sono state lasciate a metà. Già a dicembre 2021 avevamo ricevuto telefonate anonime con insulti e minacce, in quel caso l’autore è stato identificato dalla Digos”.

STAMPA TOSCANA – Il sindacato ha espresso solidarietà pubblica alla redazione di Tvl e, nel giro di poche ore, ha ricevuto oltre duecento commenti con insulti sul proprio sito e sui propri profili social. Sandro Bennucci, presidente di Stampa Toscana, dice a Ossigeno: “La matrice è chiaramente no vax. Questi sostengono che noi siamo criminali perché siamo al soldo del potere che ha devastato l’Italia. Semplicemente per le notizie che diamo, dunque, siamo complici. Forse secondo loro non si dovrebbero dare le notizie. Abbiamo chiesto l’intervento del Ministero dell’Interno, in modo particolare nella persona del prefetto Ricci, affinché ci sia consentito tornare a lavorare con la giusta serenità”.

ANCORA ATTACCHI – Nella notte tra il 9 e il 10 maggio 2022, ignoti hanno fatto delle scritte sulle auto dell’emittente NoiTv con della vernice spray rossa. Si leggono frasi come: “Salva tuo figlio” e “Sei in prigione se il diritto è concessione”. Anche in questo caso compare una W cerchiata come firma (vedi qui). L’emittente racconta: “I danni ammontano a migliaia di euro. Sul posto sono intervenuti gli uomini della scientifica e della Digos della questura di Lucca che stanno raccogliendo anche le immagini delle telecamere.”

Il 14 maggio è avvenuto invece un attacco virtuale alla redazione di ToscanaMediaNews e alle testate locali QuiNews. Marco Migli, direttore responsabile, racconta a Ossigeno: “Le nostre pagine social sono state invase di commenti pieni di insulti ad articoli riguardanti la campagna vaccinale. Si tratta di utenti che si muovono in gruppo e attaccano con messaggi duplicati e vaneggiamenti in tema vaccini”. Solidarietà ai giornalisti coinvolti anche dal presidente della regione Toscana Eugenio Giani e da diversi politici locali. GB

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.