Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Violazioni verificate

“Vi mettiamo una bomba” dicono al centralino

Una telefonata anonima a Palermo al Giornale di Sicilia. Nel mirino il cronista Leonardo Gargano. Indagini in corso e molti attestati di solidarietà

Il 12 giugno 2019, verso le 10 del mattino, al centralino del “Giornale di Sicilia”, a Palermo, è arrivata una telefonata minatoria per il cronista di nera, Leopoldo Gargano. «Gargano scrive troppe minchiate. Qui parla la famiglia Lo Piccolo. Vi mettiamo una bomba e vi facciamo saltare tutti in aria», ha detto una voce. Lo stesso giornale ne ha dato notizia dopo aver denunciato l’accaduto alla polizia. Dal numero del telefono cellulare da cui è stata fatta la chiamata si sta cercando di risalire alla persona che ha fatto la chiamata.

Numerosi attestati di solidarietà sono stati inviati al giornalista e alla redazione dai colleghi e dalle istituzioni. La direzione del quotidiano ha sottolineato che “Leopoldo Gargano è cronista esperto, attento e preparato. A lui dunque non possiamo che esprimere piena vicinanza e sostegno. Non sono certo episodi come questo, peraltro l’ultimo di una lunga serie, che ci impediranno di portare avanti la nostra missione: informare con obiettività, imparzialità e affidabilità, avendo come unico elemento di riferimento la ricerca assoluta della verità”.

Assostampa Siciliana e Fnsi hanno condannato l’azione con queste parole: “Una cosa è certa: Leopoldo Gargano continuerà a scrivere i suoi articoli liberi, puntuali e informati e il “Giornale di Sicilia” continuerà a pubblicarli”.

ASP

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.