Libertà di stampa

3 maggio. Spadari (OdG Lazio), consapevolezza e solidarietà

Nel Lazio il 40% dei minacciati in Italia e numerosi giornalisti sotto scorta. Anche i cittadini devono difenderli. Grazie a Ossigeno per il suo lavoro

“Il grado di libertà di informazione misura la democrazia di un Paese. Tutti i cittadini devono esserne consapevoli , cosi’ come devono essere coscienti che chi schiaffeggia un giornalista offende il loro diritto di essere informati, affermato dalla nostra Costituzione”. Lo ha detto la presidente dell’Ordine dei giornalisti del Lazio, Paola Spadari, alla celebrazione della Giornata mondiale dell’Informazione, organizzata da Ossigeno per l’Informazione alla Casa del Jazz a Roma, in collaborazione con l’AgCom, con il patrocinio dell’UNESCO.

La presidente ha ringraziato Ossigeno per il “lavoro instancabile che porta avanti, un lavoro difficile che richiede impegno quotidiano” al quale l’Odg del Lazio ha sempre dato sostegno, oltre a esprimere solidarieta’ ai colleghi minacciati.

Paola Spadari ha ricordando il triste primato del Lazio, la regione in cui Ossigeno ha rilevato nel 2017 il 40 per cento dei giornalisti minacciati. “L’Ordine dei Giornalisti si e’ costituito parte civile nei processi che hanno riguardato giornalisti minacciati e non ha mancato di manifestare a loro la propria vicinanza e il proprio sostegno. Anche i cittadini – ha aggiunto – devono fare la loro parte acquisendo consapevolezza che l’informazione è un bene comune e come tale va difeso quotidianamente. Per questo noi porteremo avanti il lavoro con le istituzioni affinché appena possibile siano messi in calendario quei provvedimenti in grado di mettere i giornalisti al riparo da querele temerarie, minacce e aggressioni. Non dobbiamo mai dimenticare che fra i nostri ventimila iscritti vi sono numerosi giornalisti sotto scorta”.

COA


Aiutaci anche tu a produrre Ossigeno per l’informazione. Puoi farlo nel modo più semplice in tre modi. 1. Scrivendo il nostro codice fiscale 97682750589 sulla tua dichiarazione dei redditi per assegnare il 5 per 1000 alla nostra ONLUS. Così ci fai una donazione senza spendere un euro. 2. Facendo  una donazione via web a Ossigeno e beneficiando di una detrazione fiscale (leggi). Facendo circolare le notizie e i dati di Ossigeno per rompere il muro del silenzio e dell’indifferenza contro gli attacchi al diritto di dire e di sapere ciò che accade.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.