Aggiornamenti

Bologna. Condannati in appello aggressori giornalista Enrico Barbetti del “Carlino”

Pene ridotte ma confermato risarcimento dei danni – L’avvocato: questa sentenza arriva dopo 8 anni, troppi – Il cronista riportò una frattura al gomito – Fu aggredito da antagonisti mentre seguiva la visita di Matteo Salvini a un campo nomadi 

OSSIGENO 18 marzo 2022 – La Corte d’Appello di Bologna il 28 febbraio 2022 ha confermato le condanne a 11 attivisti dei collettivi antagonisti ritenuti responsabili dell’assalto dell’8 novembre 2014 all’automobile del leader della Lega, Matteo Salvini, e dell’aggressione al giornalista del ‘Resto del Carlino’ Enrico Barbetti, che seguiva per conto del suo giornale la visita del politico ad un campo nomadi. In primo grado, i giudici avevano condannato gli imputati a pene detentive da 6 a 12 mesi per lesioni aggravate e disposto il risarcimento dei danni al giornalista, da liquidare in sede civile (vedi Ossigeno). In Appello le condanne sono state mitigate (leggi), e per 10 attivisti è stata esclusa la sospensione condizionale della pena subordinata al risarcimento dei danni alle parti civili.

IL COMMENTO DELL’AVVOCATO – Enrico Barbetti ha ringraziato Ossigeno per l’attenzione e la solidarietà che gli ha manifestato dopo l’aggressione e ha affidato al suo avvocato difensore, professor Tommaso Guerini, il compito di commentare la sentenza.

“Non è mai semplice commentare una sentenza che interviene a troppi anni dai fatti. Una decisione, per essere davvero “giusta”, deve essere presa in un lasso temporale ragionevole, per garantire i diritti di imputati e vittime – ha dichiarato il legale. – C’è però soddisfazione perché rimangono inalterati i risarcimenti già riconosciuti in primo grado e si conferma l’impianto accusatorio. Enrico Barbetti fu vittima di un’aggressione violenta e vile, motivata solo da un furore ideologico che in una democrazia evoluta non può e non deve trovare giustificazione. La sentenza riconosce questo principio, ristabilisce il giusto ordine tra i valori in campo – non ultimo la libertà di stampa – e qualifica come criminali comportamenti che si sosteneva fossero legittimi in quanto espressione di un non meglio precisato diritto al dissenso.” LT

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.