Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Violazioni verificate

Brindisi. Assolta la cronista Stefania De Cristofaro citata per danni da un avvocato

Il legale era parte lesa in un processo e aveva querelato ritenendo diffamatorie due notizie pubblicate su Brindisi Report

OSSIGENO 6 giugno 2021  – Con sentenza depositata il 10 maggio 2021, la cronista di giudiziaria Stefania De Cristofaro, è stata assolta dal tribunale di Roma dall’accusa di avere diffamato l’avvocato Piero Lorusso (leggi) che l’aveva citata per danni insieme al direttore responsabile Marcello Orlandini per due articoli scritti su BrindisiReport (gruppo editoriale Citynews), il 17 e il 19 gennaio 2018 . Stefania De Cristofaro seguiva a Brindisi il processo a carico della giornalista ed ex conduttrice Rai Eleonora De Nardis, accusata di aver ferito ad un braccio con un coltello l’avvocato Piero Lorusso, all’epoca suo compagno, in una abitazione del centro storico di Ostuni dove la coppia era in vacanza. Ossigeno ha già riferito altre notizie su Stefania De Cristofaro vedi

LA CITAZIONE – L’avvocato Lorusso non aveva gradito gli articoli ritenendoli ‘volti esclusivamente a colpire la sua persona in modo gratuito e arbitrario’, e aveva citato la giornalista per danni chiedendo 26mila euro, richiesta salita vertiginosamente a 300mila euro nel ricorso d’urgenza. Insieme a lei aveva citato anche il direttore responsabile Marcello Orlandini.

LA SENTENZA – La giudice Cecilia Pratesi del Tribunale di Roma ha decretato che gli articoli sono aderenti alle linee guida stabilite dalla Cassazione sull’esercizio legittimo del diritto di cronaca, per ‘verità, pertinenza e continenza’. L’avvocato Vittorio Rina del foro di Brindisi, difensore di fiducia di Stefania De Cristofaro, ha commentato come dalla sua assistita siano stati riportati “Fatti veri, adeguatamente verificati, raccontati in tono neutro e pacato, i testi non contengono intemperanza verbale, né espressioni gratuitamente offensive” . LT

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.