Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Violazioni verificate

Buffone! Striscioni dei tifosi contro cronista di Telemolise

Enzo Luongo aveva ripreso la loro manifestazione e criticato l’assembrament0 poco rispettoso dell’emergenza sanitaria

“Offese, calunnie e presunzione, questa è la tua informazione. Luongo buffone”. Questa scritta offensiva contro il giornalista Enzo Luongo di Telemolise è apparsa nella notte tra il 27 e il 28 agosto 2020 a Campobasso negli striscioni affissi in tre punti della città: nei pressi della redazione e dell’abitazione del giornalista e in un altro luogo molto frequentato. Altri insulti sono stati rivolti al giornalista nei gruppi Facebook dei tifosi del Campobasso calcio. Indaga la Digos.

I FATTI – Enzo Luongo il 26 agosto 2020 ha documentato una manifestazione di tifosi ultras della squadra cittadina in pieno centro. Una manifestazione, ha spiegato il cronista, della quale non conosce il motivo e nella quale si è imbattuto per caso, visto che si trovava sul posto per motivi personali. I tifosi hanno lanciato fumogeni, intonato cori e creato assembramenti, incuranti delle norme anti-covid. Sul posto è intervenuta una pattuglia della polizia, su segnalazione dei residenti, infastiditi da ciò che avveniva.

Enzo Luongo ha ripreso la scena con il suo cellulare. Uno degli ultras se n’è accorto, si è avvicinato, gli ha strappato il cellulare della mani e ha cancellato alcuni video. Il cronista è andato via. La vicenda sembrava chiusa. Si è riaperta il giorno successivo, il 27 agosto, quando Enzo Luongo ha mandato in onda un servizio di cronaca sulla manifestazione, denunciando non soltanto il mancato rispetto delle regole per far fronte all’emergenza sanitaria, ma anche i disagi creati dai tifosi ai residenti e ai tantissimi locali che costeggiano il corso del centro città. La notte successiva sono stati affissi gli striscioni.

IL GIORNALISTA – “A me sembra incredibile che sia successo tutto questo perché ho raccontato un episodio di cronaca”,  ha detto Enzo Luongo a Ossigeno, specificando che dopo la comparsa degli striscioni è stato convocato dalla Digos e ha consegnato i filmati della manifestazione.

SOLIDARIETA’ – Al giornalista hanno espresso solidarietà Ossigeno, la Fnsi, l’Ordine regionale, il sindaco di Campobasso, il Questore e altre forze politiche locali.

Il 26 settembre 2020, la Digos ha denunciato due ventenni riconducibili al gruppo dei tifosi Curva Nord Campobasso che la sera del 26 agosto aveva acceso alcuni fumogeni.

RDM

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.