Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Violazioni verificate

Crotone. “Vai via”. Schiaffi a un giornalista di LaC

Giuseppe Laratta stava realizzando un servizio sull’allestimento di una tendopoli per i senzatetto in una struttura comunale. Presentata denuncia. Solidarietà dal sindacato

Il 27 febbraio 2017 il giornalista Giuseppe Laratta, collaboratore dell’emittente locale LaC Tv, è stato preso a schiaffi mentre stava documentando, presso il campo sportivo comunale di Crotone, l’allestimento di una tendopoli della Croce Rossa, destinata al riparo dei senzatetto nei giorni della nevicata in Italia. Un uomo si è prima messo a urlare contro gli operatori che allestivano la struttura; poi si è avvicinato al giornalista colpendolo al volto e intimandogli di andar via. L’uomo, che si è presentato come il figlio di un ex custode del terreno, sembrava infastidito dal provvedimento e dalla presenza delle telecamere.

Il giornalista è tornato a casa a montare il servizio (guarda), che è andato in onda la sera stessa. Poi è andato alla Questura di Crotone e ha presentato denuncia contro ignoti.

Gli hanno espresso solidarietà il segretario generale aggiunto della Fnsi e segretario del Sindacato Giornalisti della Calabria, Carlo Parisi, e il delegato alla Legalità della Fnsi, Michele Albanese (leggi).

I PRECEDENTI IN CALABRIA – Dal 2011 a oggi, in Calabria, Ossigeno ha rilevato 175 gravi violazioni della libertà di stampa e di espressione commesse con atti di violenza, illeciti o abusi nei confronti di altrettanti giornalisti, blogger, operatori video, foto reporter, editori, i cui nomi sono pubblicati nella Tabella dell’osservatorio (leggi). Nel 2017 sono stati aggiunti a questo elenco 6 nomi

RDM

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.