Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Elezioni Sicilia. Candidato De Luca insulta il giornalista Giacinto Pipitone

Cateno De Luca ha pubblicato sui social alcuni video accusandolo di danneggiarlo per aver segnalato criticità della sua lista. Inoltre lo ha querelato e denunciato all’Ordine

OSSIGENO xx ottobre 2022 – Il 28 agosto 2022 Cateno De Luca, candidato alla presidenza della Regione Sicilia, ha pubblicato su Facebook un video di circa 16 minuti nel quale insulta pesantemente Giacinto Pipitone, giornalista del Giornale di Sicilia (vedi qui). Nel video il politico, candidato alle elezioni regionali siciliane del 25 settembre 2022, rivolge una serie di insulti volgari al giornalista e parla di “mafia dell’informazione”. Secondo Cateno De Luca, il cronista avrebbe scritto deliberatamente notizie false sulle sue liste elettorali. Oltre agli insulti social, il politico ha querelato per diffamazione Giacinto Pipitone e ha presentato un esposto al Consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti.

IL FATTO – A Ossigeno per l’informazione Giacinto Pipitone racconta: “Il 28 agosto ho dato notizia sul sito del Giornale di Sicilia di alcuni problemi sorti per la presentazione delle liste elettorali di Cateno De Luca. Si trattava di informazioni fornite direttamente dalla Regione. Poche ore dopo è arrivato online il primo video, praticamente 16 minuti di insulti contro di me. Da quel momento per sette giorni mi sono trovato al centro dell’attenzione della campagna elettorale”. Secondo il candidato, Giacinto Pipitone avrebbe dato quelle notizia per danneggiarlo in vista delle elezioni.

LE REAZIONI – A Ossigeno il giornalista ha raccontato: “Ho avuto subito la solidarietà pubblica dell’Ordine dei giornalisti e del mio giornale, che mi sta assicurando anche l’assistenza legale. Sono colpito dal fatto che il Consiglio di disciplina dell’Ordine abbia aperto un fascicolo su di me. Immagino sia un atto dovuto”. Dopo la pubblicazione del video, La stessa sera, il giornalista ha trovato su Facebook oltre mille richieste di amicizia di persone sconosciute: “Secondo me molte di quelle persone volevano curiosare nella mia vita per aver sentito parlare male di me”. Gli attacchi social sono continuati nei giorni successivi. Giacinto Pipitone non ha risposto. Poi in un post Cateno De Luca ha annunciato che il giornalista sarebbe intervenuto a un suo comizio, per fare un confronto pubblico. “Io non ne sapevo nulla e mai mi sarei prestato, perciò ho smentito pubblicamente”.

Le elezioni regionali siciliane (vedi qui) si sono concluse con la vittoria del candidato di centrodestra, Renato Schifani (42%), seguito da Cateno De Luca (lista Sicilia Vera, 23,9%) e da Caterina Chinnici (centrosinistra, 16,1%).

LA SOLIDARIETÀ – Ordine dei giornalisti, Assostampa, FNSI, editore e colleghi hanno espresso solidarietà a Giacinto Pipitone, condannando fermamente il linguaggio usato da Cateno De Luca (vedi qui). Anche Ossigeno per l’informazione esprime vicinanza al cronista. L’Ordine dei Giornalisti della Sicilia ha espresso l’intenzione di costituirsi parte civile al fianco di Pipitone se si aprirà un processo (vedi qui). GB

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.