Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Falsi green pass. Medico arrestato minaccia i cronisti di 3 giornali

Stefano Soldani ha scritto in un post : “Carissimi giornalisti state tranquilli che ci incontreremo, io, voi e il Padre eterno”

OSSIGENO 12 aprile 2022 – In Toscana il medico di medicina generale Stefano Soldani, finito agli arresti domiciliari con l’accusa di aver rilasciato false attestazioni di avvenuta vaccinazione anti Covid, a fine marzo ha pubblicato su Facebook un post in cui ha scritto: “Carissimi giornalisti di Nazione, Repubblica e Corriere, ci rivedremo tra qualche tempo, io non vi conosco ma state tranquilli che ci incontreremo, non sui tribunali, ma vis a vis, io, voi e il Padre eterno”. Oggi il post non è più visibile su Facebook, non è possibile stabilire se è stato nascosto (visibile solo agli amici del profilo) oppure definitivamente cancellato.

Il messaggio è stato interpretato come una grave minaccia ai danni dei giornalisti dei tre quotidiani La Nazione, La Repubblica e del Corriere Fiorentino che avevano pubblicato articoli sulla vicenda che ha portato all’arresto del medico.

Sandro Bennucci, presidente dell’Associazione Stampa Toscana, racconta a Ossigeno: “Sono stato informato da un collega dell’esistenza di questo messaggio social, un messaggio inaccettabile. Con Giampaolo Marchini, presidente dell’Ordine giornalisti della Toscana, ho denunciato il fatto alla Digos di Firenze”.

I giornali presi di mira hanno dato notizia delle minacce e della denuncia di sindacato e Ordine (leggi qui), come hanno fatto molti altri organi di informazione. Il presidente del Consiglio regionale della Toscana ha espresso solidarietà ai giornalisti.

GB

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.