Formazione

Formazione. Il vero, il falso e il rischio di essere querelati

Le domande più frequenti dei giornalisti che hanno partecipato agli ultimi corsi di Ossigeno in Toscana e Abruzzo. In programma nuove repliche a Firenze, Roma e Palermo

“Se racconto un fatto vero, posso essere querelata lo stesso?” “Se propongo un articolo su un episodio di indubbia rilevanza pubblica e il giornale rifiuta di pubblicarlo che cosa posso fare? A chi posso rivolgermi se un giornale online mio concorrente mi rivolge una accusa falsa?”. “Dirigo un piccolo giornale online. Più di una volta degli avvocati mi hanno scritto chiedendo di rimuovere degli articolo in nome del diritto all’oblio altrimenti mi avrebbero fatto causa. Io li ho rimossi tutti. Ma fino a che punto avrei potuto dire di no?”. Sono alcune delle domande poste ai relatori dai partecipanti alle recenti repliche del corso di formazione di Ossigeno dal titolo “Querele intimidatorie e minacce. Come prevenirle” (6 crediti deontologici) che si sono svolte a settembre 2018 ad Arezzo e a Luco dei Marsi (Avezzano). Nuove repliche sono in vista in Toscana, Lazio e Sicilia. Luoghi e date saranno comunicate tempestivamente.
Il corso continua a suscitare interesse perché fornisce risposte a domande come quelle appena citate, con le quali i giornalisti sono alle prese tutti i giorni. Dal 2014, quando è stato tenuto per la prima volta, il corso ha avuto vari aggiornamenti relazione ai temi di più stretta attualità. Da allora il corso è stato replicato oltre 40 volte, in dieci regioni, d’intesa con gli ordini regionali e ha registrato complessivamente oltre cinquemila partecipanti registrati formalmente sulla piattaforma dell’Ordine dei Giornalisti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.