Guerra in Ucraina. Guido Puletti oggi starebbe con chi resiste

Dice la compagna del giornalista nel messaggio inviato a Ossigeno in occasione del convegno “Guerra, pace e informazione” che si tiene il 9 giugno 2022 a Roma, nell’Auditorium della Casa del Jazz 

OSSIGENO 9 giugno 2022 – Le notizie e le immagini che giungono da oltre 3 mesi dall’Ucraina rievocano i molti conflitti degli ultimi decenni e tra questi, la guerra in ex Jugoslavia ( la prima in Europa dal 1945). Le distruzioni, gli eccidi, le violenze e gli abusi sono simili e se ne siamo venuti a conoscenza è soprattutto grazie al lavoro imprescindibile svolto da chi fa informazione. Persone che spesso hanno pagato e continuano a pagare un prezzo altissimo.

Ma per non essere sopraffatti dall’orrore, dall’angoscia e dalla commozione per quanto sta succedendo penso che sia necessario anche cercare di capire, dare un senso e una logica agli avvenimenti. Questo è ciò che Guido Puletti ha sempre cercato ostinatamente di fare come scriveva in una lettera a un’amica di Zagabria nell’agosto del 1992

“…La storia come tu sai meglio di noi, pare essere impazzita e divorare tutto. Io sono convinto però che tutto sommato non sia impossibile decifrare la realtà, cioè interpretare le cause profonde , le forze principali che hanno messo in moto, anzi accelerato vertiginosamente, il corso delle cose. Non è un compito semplice e spesso esige enormi sacrifici….” .

Questo suo obiettivo è sempre stato accompagnato da un altro elemento fondamentale: stare dalla parte degli oppressi.
Oggi questo significa che starebbe con chi resiste dentro e fuori dall’ Ucraina e con chi si oppone nelle forme più varie al regime di Putin.

Cinzia Garolla

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.