Ingrandimenti

“Hai rotto!” grida stringendo De Michele per il collo

A Orta di Atella, due uomini hanno bloccato l’auto che il giornalista stava guidando e l’hanno presa a sprangate.  E’  la quarta aggressione in 4 mesi. Il presidente OdG Ottavio Lucarelli: Ha bisogno di protezione, la cosiddetta scorta mediatica non basta

E’ stato aggredito e minacciato da due uomini con il volto coperto e reso irriconoscibile da un casco integrale per automobilisti. E’ accaduto il 19 settembre 2018, ad Orta di Atella (Caserta). La vittima è il giornalista Mario De Michele, direttore di Campania Notizie.

Mentre percorreva in auto una strada periferica della cittadina, alla guida della sua vettura, De Michele ha dovuto frenare bruscamente e fermarsi, perché due sconosciuti , a bordo di uno scooter con la targa coperta, gli hanno tagliato la strada impedendogli di proseguire. Uno dei due, il conducente, si è avvicinato all’auto e, attraverso il finestrino aperto ha stretto le mani intorno al collo del giornalista gridando: “Su Orta di Atella stai rompendo il c…”. Intanto l’altro ha preso a sprangate il parabrezza della vettura, incrinandolo. Poi, mentre De Michele riprendeva fiato, sono risaliti sullo scooter e sono fuggiti. De Michele ha subito denunciato l’accaduto alla locale stazione dei carabinieri.

Il presidente dell’Odg Campania, Ottavio Lucarelli, che ha dichiarato in una nota: “Ora basta. Protezione per il giornalista Mario De Michele, ancora una volta oggetto di minacce a Orta di Atella. Non basta la scorta mediatica. Occorre una protezione vera”.

Il giornalista è già stato vittima di altre minacce per le sue inchieste sulla cittadina di 27mila abitanti a 20 chilometri da Napoli. Da maggio a oggi Ossigeno ha registrato quattro intimidazioni contro di lui: tra queste anche un busta con proiettili. (leggi)

RDM

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.