Libertà di stampa

Il Premio giornalistico Unesco a Maria Ressa conferito da Marilù Mastrogiovanni

La presidente della Giuria ha sottolineato che così si vuole  mettere in luce il crescente fenomeno delle azioni giudiziarie arbitrarie / abusive e delle cosiddette SLAPP

OSSIGENO 2 MAGGIO 2021 – La giornalista Marilù Mastrogiovanni, presidente della Giuria del Premio internazionale di Giornalismo UNESCO intitolato a Guillermo Cano, ha conferito oggi, in Namibia, a Maria Ressa, la giornalista filippina naturalizzata statunitense, co-fondatrice del sito giornalistico Rappler, una delle voci più critiche sull’operato del presidente filippino Rodrigo Duterte, arrestata e condannata per questa attività.

“La situazione di Maria Ressa – ha dichiarato Marilù Mastrogiovanni, durante la cerimonia – è emblematica del crescente fenomeno dei procedimenti giudiziari arbitrari/abusivi e delle cosiddette cause strategiche contro la partecipazione pubblica (SLAPP). Il caso di Maria Ressa è emblematico di questa tendenza globale che rappresenta una vera minaccia alla libertà di stampa, e quindi alla democrazia. Premiando Maria Ressa, l’UNESCO vorrebbe puntare i riflettori su tali preoccupazioni, oltre a incoraggiare e sensibilizzare gli Stati ad adottare misure ad hoc per contrastare le SLAPP e le molestie online contro i giornalisti, con particolare riferimento a quelle che riguardano le giornaliste”.

ASP

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.