Aggiornamenti

Insegui e minacciò 3 cronisti. Condannato a 13 mesi

E’ Antonio Callipari, a processo per traffico di droga. nel 2017 a San Luca aveva inseguito i giornalisti che lo avevano filmato

Il 7 giugno 2019 il Tribunale di Locri ha condannato a tredici mesi di reclusione l’uomo che il 5 maggio 2017, a San Luca (Reggio Calabria) aggredì i giornalisti e i tecnici della troupe che lo avevano filmato mentre stavano realizzando un servizio per il programma di cronaca “Presadiretta” di Rai Tre. Si tratta di Antonio Callipari, 26 anni, imparentato con il clan Nirta, arrestato dopo un anno di latitanza, accusato di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

A maggio del 2017, i giornalisti si erano recati in Aspromonte per raccogliere informazioni in merito alle indagini della Direzione Distrettuale Antimafia reggina, operazione denominata Mammasantissima, sui rapporti tra ‘ndrangheta, politica e massoneria. Callipari, insieme a un’altra persona, aveva inseguito l’auto dei giornalisti, bloccato loro la strada e intimato loro di “non tornare più a San Luca”. Inoltre aveva tentato di strappare il cellulare ad Alessia Candito sella “Repubblica”, per impedirle di effettuare riprese. (FONTE ANSA)
Leggi Rinviato a giudizio aggressore

ASP

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.