Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Violazioni verificate

Calabria. Minacciò cronisti. Chiesto rinvio a giudizio

E’ Antonio Callipari. A maggio del 2017 a San Luca aggredì e minaccio troupe di Presadiretta e cronista di Repubblica

Il 3 ottobre 2018 il Pm del Tribunale di Locri (Reggio Calabria) ha chiesto il rinvio a giudizio di un 25enne calabrese, Antonio Callipari, per minacce e tentata rapina, in concorso con altre persone, nei confronti del giornalista di Presadiretta Danilo Procaccianti e del filmaker Fabrizio Lazzaretti, e della cronista di Repubblica Alessia Candito. L’aggressione si verificò a San Luca (Reggio Calabria) il 5 maggio 2017.

La notizia della richiesta di rinvio a giudizio per Callipari è emersa il 9 novembre 2018 quando il giovane, vicino alla cosca dei Nirta di San Luca, è stato arrestato dai carabinieri per traffico di droga tra la Calabria e Milano. Era latitante.

Procaccianti ha detto a Ossigeno: “In posti come San Luca queste cose succedono spesso, mentre lavori. Io avevo pensato che fosse solo una ragazzata. Avevo sottovalutato l’episodio e l’atteggiamento mafioso”.

L’AGGRESSIONE AI GIORNALISTI – Il 5 maggio 2017 la troupe di Presadiretta si era recata a San Luca per raccogliere informazioni sull’inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia reggina, denominata Mammasantissima, sui rapporti tra ‘ndrangheta, politica e massoneria. Callipari, insieme a un’altra persona, inseguì l’auto dei giornalisti, bloccò loro la strada, lì minacciò di morte intimando loro di “non tornare più a San Luca”. Inoltre tentò di sottrarre il cellulare ad Alessia Candito, per impedirle di effettuare riprese.

La cronista di Repubblica, che vive e lavora in Calabria, aveva accompagnato i colleghi di Presadiretta a San Luca. Le minacce furono filmate e furono trasmesse nella puntata del 25 settembre 2017. Subito dopo i Carabinieri di San Luca avviarono le indagini che hanno portato al rinvio a giudizio di Capillari.

RDM

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.