Assistenza Legale

Assistenza Legale Ossigeno. Assolta a Roma la giornalista Stefania Limiti

Aveva rifiutato di rivelare al pm la fonte fiduciaria di un suo libro-inchiesta sui possibili retroscena della Strage di Capaci. Difesa dall’ avv. Valerio Vartolo insieme all’avv. Andrea Di Pietro dell’Ufficio Legale di Ossigeno

Il 12 gennaio 2017 il Tribunale di Roma, presieduto dal Dr. Iulia della quarta sezione penale, ha assolto con formula piena (“il fatto non sussiste”) la giornalista Stefania Limiti, autrice del libro inchiesta sulla strage di Capaci dal titolo Doppio livello. Appellandosi alla libertà di informazione, la giornalista si era rifiutata di rivelare ai pubblici ministeri di Caltanissetta l’identità della sua fonte fiduciaria, nonostante l’ordine del Giudice delle indagini preliminari. Perciò era stata imputata di false comunicazioni al pubblico ministero, ai sensi dell’articolo 371 bis codice penale.

Il Tribunale l’ha assolta in via pre-dibattimentale, ai sensi dell’art. 129 c.p.p., perché la Procura di Roma non è riuscita a definire e provare correttamente, già nel capo di imputazione, i fatti a lei attribuiti.

Leggi anche Giornalista indagata per libro su mafia. Non ha rivelato la sua fonte

RED

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.