Violazioni verificate

Mago e aiutante minacciano una cronista

A Guidonia (Roma) la giornalista Rossella Ricchiuti aveva smascherato i suoi affari fingendo di essere una cliente

Il 23 novembre 2019, a Guidonia (Roma), mentre realizzavano un’inchiesta video sugli affari e le truffe che ruotano intorno alla magia, la giornalista Rossella Ricchiuti, inviata della trasmissione tv Fuori dal coro (Rete 4), e il suo cameraman sono stati minacciati da un sedicente mago, già rinviato a giudizio per circonvenzione di incapace. Il servizio è andato in onda su Rete 4 durante la puntata del 26 novembre.

L’episodio è accaduto in strada, davanti alla casa-studio del Mago Vincenzo che, quando si è reso conto di avere descritto la sua attività e le sue tariffe a una giornalista, dal balcone della propria abitazione ha urlato a Rossella Ricchiuti: “Figlia di p…, ti brucio la macchina, ti brucio la casa”. Nel frattempo un uomo, di giovane età, si è avvicinato all’auto sulla quale viaggiava la troupe del programma e ha minacciato di morte il cameraman, facendo il segno della croce, come si legge nella denuncia presentata dalla giornalista al commissariato di Polizia Roma Tuscolano. “Sei un morto che cammina…che siete venuti a fa’…nun me mette paura la telecamera”, avrebbe detto.

I FATTI – Ricchiuti si è presentata presso lo studio di Mago Vincenzo, così si fa chiamare il 68enne, munita di telecamera nascosta, fingendo di essere una cliente desiderosa di aiuto per riconquistare il suo uomo. Il sedicente mago le ha spiegato i dettagli del rituale e il costo della sua prestazione: 3800 euro, di cui 1500 da consegnare subito.

La giornalista ha detto di non avere con sé la somma richiesta e ha fissato un appuntamento per consegnarli il denaro. Quando si è presentata all’appuntamento, in strada, davanti allo studio, era accompagnata dalla troupe. Si è qualificata come giornalista e ha chiesto spiegazioni al mago. L’uomo è fuggito a gambe levate e dal balcone di casa ha lanciato pesanti minacce. Un’ altra persona ha minacciato l’inviata e il video operatore.

Il PRECEDENTE – A marzo 2019, la giornalista ha denunciato un’aggressione da parte di esponenti di CasaPound, mentre lavorava per il programma “Prima dell’Alba” della RAI. A settembre 2019, la Procura di Milano ha archiviato il caso per infondatezza della notizia di reato. “E’ importante però – ha detto Ricchiuti a Ossigeno – non lasciar correre e denunciare sempre”.

Andrea De Tommasi

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.