Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Manfredonia. Scritte murali contro la giornalista che scrive sui mafiosi

Il bersaglio è Lucia Piemontese, caporedattrice del giornale ‘L’Attacco’ – Vogliono delegittimarmi, racconta a Ossigeno. Solidarietà da istituzioni locali, Odg e Assostampa Puglia

OSSIGENO 24 giugno 2022 – Scritte offensive contro di lei sui muri della città di Foggia e voci diffamatorie sul suo conto riferite al direttore del giornale quotidiano cartaceo di Foggia ‘L’Attacco’, che pubblica notizie di cronaca su ciò che avviene in Puglia e in particolare in Capitanata. Nel mirino c’è la giornalista Lucia Piemontese, caporedattrice dell’Attacco, che il 28 aprile 2022 a Manfredonia (Foggia) ha scoperto una scritta ingiuriosa e sessista tracciata su un muro, sul lungomare. Grazie alla collaborazione di un amico la scritta è stata subito rimossa. Ma nei giorni successivi sono state fatte altre tre scritte dello stesso tenore e contenuto, con bombolette spray: due presso la località balneare Siponto e un’altra accanto al portone dell’abitazione della giornalista. Quest’ultima è stata apposta in pieno giorno, alla luce del sole, mentre la giornalista si trovava in casa.

Il fatto è stato denunciato alle forze dell’ordine e reso pubblico con un articolo pubblicato su ‘L’Attacco’ (leggi qui).

LA CRONISTA – A Ossigeno Lucia Piemontese racconta: “La prima intimidazione si è verificata due mesi fa, quando al mio direttore è stato riferito che circolava un presunto video di natura sessuale che mi vedrebbe protagonista. Non mi sono lasciata intimidire e ho continuato a svolgere il mio lavoro di giornalista d’inchiesta. Da tempo mi occupo dei clan mafiosi che operano nel territorio di Capitanata, quelli della cosiddetta quarta mafia. La sensazione è che, dopo inutili tentativi di farmi recapitare ‘inviti’ a scrivere di altro e a non occuparmi più dei clan locali, ci sia in atto una strategia di delegittimazione nei miei confronti proprio per screditare il mio lavoro, tentando di colpire la mia reputazione o addirittura con l’assurda insinuazione che io sia legata al clan avversario”.

SOLIDARIETA’ – Forte la solidarietà, subito giunta dall’Ordine dei giornalisti della Puglia e da Assostampa Puglia, che hanno diramato un comunicato: “Le scritte, alcune a sfondo sessista per delegittimarla, sono ancora una volta la prova dell’insofferenza nei confronti dell’informazione” (leggi qui). Solidarietà anche dal mondo della politica locale e dall’arcivescovo di Manfredonia – Vieste – San Giovanni Rotondo, monsignor Franco Moscone.

Ossigeno per l’informazione esprime solidarietà alla collega Lucia Piemontese e appoggia la scelta di denunciare subito alle forze dell’ordine per individuare i responsabili. Come l’osservatorio ha più volte documentato, fare informazione locale diventa ogni giorno più difficile, i cronisti di periferia sono l’anello informativo più esposto, quello più debole, ma il loro lavoro è insostituibile e permette di conoscere ciò che accade in territori nei quali la stampa nazionale non può arrivare. GB

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.