Assistenza Legale

Marilù Mastrogiovanni. Il giudice di Lecce rinvia la decisione sulle parti civili

Ha chiesto di fornire più ampie attestazioni del legittimo interesse a dichiararsi parti lese nel processo iniziato oggi

OSSIGENO – 22 ottobre 2020 – A Lecce ha avuto inizio il processo penale per giudicare insieme tre imputati di Casarano, fra cui l’ex sindaco, accusati di alcuni atti di intimidazione (rubricati come diffamazione aggravata) compiuti a danno della giornalista Marilù Mastrogiovanni, direttrice del notiziario online “Il Tacco d’Italia”, fatta oggetto nel 2017 di ripetute minacce e intimidazioni. Il processo, con una scelta legittima ma discutibile, vede imputata a sua volta Marilù Mastrogiovanni per diffamazione aggravata nei confronti delle stesse persone, per aver pubblicato un articolo in cui ha riferito che, in base al contenuto di un’intercettazione resa nota negli atti di un procedimento giudiziario, essi sarebbero stati legati alla Sacra Corona Unita.

In questa prima udienza, il giudice si è riservato di decidere su tutte le richieste di costituzione di parte civile: della stessa giornalista, della Regione Puglia, della Commissione Regionale per la Pari Opportunità, della rete Pangea, di Ossigeno per l’Informazione, del sindacato e dell’Ordine dei Giornalisti. Il giudice h chiesto a ciascuna associazione di ampliare la richiesta formale depositata oggi inviando più ampie e argomentate motivazioni scritte a riprova del legittimo interesse rappresentato in questo processo. La decisione sarà adottata nella prossima udienza del 26 novembre 2020. La richiesta giunge due giorni dopo la decisione del giudice di Genova di respingere tutte le richieste di costituzione di parte civile presentate dalle associazioni che tutelano la libertà di stampa e il diritto di informazione. Ossigeno ha criticato quella decisione (leggi).

Inoltre Ossigeno ha pubblicato la motivazione storica e morale (vedi) della sua richiesta di costituirsi parte lesa al fianco di Marilù Mastrogiovanni depositata oggi a Lecce dall’avv. Andrea Di Pietro e una dichiarazione del presidente dell’Odg, Carlo Verna, che incoraggia Ossigeno a proseguire in questo impegno.

ASP

Leggi anche Scrivere di mafia in terra di mafia. Il caso Marilù Mastrogiovanni

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.