Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Violazioni verificate

Milazzo. Sindaco annuncia querela per smentire retroscena su no isola pedonale

Il notiziario “Oggi Milazzo” ha riferito le voci secondo cui dietro non ci sarebbero soltanto le asserite ragioni tecniche ma anche interessi locali

OSSIGENO 16 giugno 2021 – Il sindaco di Milazzo, Pippo Midili, ha annunciato querela contro il quotidiano online “Oggi Milazzo”, per un articolo pubblicato il 31 maggio 2021 dal titolo “Milazzo, estate senza isola pedonale notturna. Dal 15 luglio potrebbe essere rivoluzionata tutta la viabilità” (leggi qui). La querela è stata annunciata sul sito del comune il giorno stesso (leggi qui).

Nel comunicato del sindaco si legge che alcune affermazioni dell’articolo sono ritenute diffamatorie e lesive dell’immagine del sindaco e dell’amministrazione tutta. A scatenare la reazione del sindaco sarebbe stata l’intenzione di smentire nel modo più categorico il commento della testata alla notizia di cronaca, in modo particolare la frase: “Secondo i rumors di palazzo municipale, dietro la scelta di non ripetere l’esperienza dell’isola pedonale estiva avrebbe contribuito non solo l’intento di applicare il Put che prevede una ztl nel centro cittadino, ma anche promesse elettorali a chi dall’isola pedonale si è sentito penalizzato”.

Pippo Midili è un giornalista (professionista dal 2008), prima di essere eletto sindaco è stato consigliere comunale e in quel periodo ha fondato e diretto il quotidiano locale online “Il Diario Metropolitano” (fondato nel 2015), concorrente di “Oggi Milazzo” (fondato nel 2011). “Oggi Milazzo” ha ricevuto la solidarietà di Ossigeno, Assostampa Siciliana, dei lettori e di numerosi esponenti politici locali (leggi qui). GB

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.