Libertà di stampa

Odg censura 4 giornalisti per il caso Montante

Avvertimento per un altro iscritto – Archiviazione per altri 15 – Le decisioni del Consiglio di Disciplina Territoriale per la Sicilia dell’Ordine dei Giornalisti

Il Consiglio di Disciplina Territoriale per la Sicilia dell’Ordine dei Giornalisti ha deliberato di applicare la sanzione della censura, prevista dall’Ordinamento della professione di giornalista (Legge 3 febbraio del 1963, n. 69 – Art. 51, lettera B) nei confronti di quattro giornalisti professionisti: Francesco Castaldo, Giuseppe Martorana, Vincenzo Morgante e Valerio Martines.

La loro posizione è stata valutata insieme a quella di altri giornalisti citati a vario titolo (nell’istruttoria processuale, nelle ordinanze e nei rapporti investigativi della polizia giudiziaria di Caltanissetta) nell’ambito della vicenda riguardante l’imprenditore Antonello Montante, condannato a 14 anni di reclusione dal Tribunale di Caltanissetta per associazione per delinquere, corruzione e dossieraggio.

Nell’ambito degli stessi accertamenti, il Consiglio di disciplina ha comminato la sanzione dell’avvertimento nei confronti del giornalista professionista Giuseppe Sottile.

Ha archiviato invece i procedimenti a carico dei giornalisti Antonino Amadore, Mario Barresi, Gianpiero Casagni, Felice Cavallaro, Vittorio Corradino, Enrico De Cristofaro, Giuseppe Lo Bianco, Corrado Maiorca, Salvatore Mingoia, Wladimiro Pantaleone, Franco Pullara, Sandra Rizza, Accursio Sabella, Salvatore Toscano. Altri due casi sono ancora sotto esame.

Le archiviazioni sono state disposte dopo aver aver verificato (sulla base delle audizioni, delle memorie difensive e delle documentazioni presentate) la mancanza di vulnus deontologici.


Il Cdt ha in particolare ritenuto censurabile, sotto il profilo deontologico, l’assidua e ininterrotta frequentazione, fra alcuni giornalisti e Antonello Montante. Frequentazione protrattasi anche dopo la diffusione della notizia, il 9 febbraio 2015, dell’inchiesta giudiziaria , riguardante l’ipotesi di concorso esterno in associazione mafiosa, avviata dalla Procura di Caltanissetta nei confronti di Montante. Nei confronti di Martorana e Martines sono stati riscontrati pagamenti (incarichi, consulenze) disposti da Montante. Mentre per Morgante è stata riscontrata una mail di richiesta di raccomandazione. Morgante e Martines hanno presentato ricorso al Consiglio di Disciplina nazionale. ASP

Per maggiori informazioni

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.