Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Violazioni verificate

Ostia. Imprenditore strappa di mano microfono e carte a inviato di Report

Roberto Papagni ha reagito così alle domande del giornalista Giorgio Mottola su alcune presunte irregolarità. Reazione non giustificabile per la Fnsi 

Il 20 aprile 2018, a Ostia (Roma), a margine di una conferenza per la presentazione di una manifestazione culturale, il presidente di Federalberghi, Renato Papagni, ha aggredito il giornalista Giorgio Mottola, inviato del programma d’inchiesta Report di Raitre. Mottola aveva chiesto a Papagni di spiegare come aveva ottenuto la concessione demaniale per lo stabilimento balneare che gestisce, nonostante alcune presunte irregolarità. L’imprenditore non ha gradito le domande. Prima ha minacciato Mottola di dargli  “du pizze” (due botte, ndr). Poi gli ha strappato di mano il documento che mostrava le presunte irregolarità e ha cercato di infilarglielo in bocca (guarda il video).

La Fnsi  ha definito l’episodio “non tollerabile”. “Chiediamo – si legge nella nota del sindacato – che si proceda immediatamente, senza indulgenza alcuna e mettendo queste persone in condizione di non nuocere ad alcuno e di non molestare la libertà di informazione e il diritto dei cittadini ad essere informati”.

LE REAZIONI – “Stavo parlando con gli ospiti e sono stato strattonato, il giornalista mi ripeteva che la mia concessione era illegittima. Mi sono allontanato e mi ha seguito, sono stato spinto, poi aveva quel foglio in mano e gliel’ho messo in faccia. Sono stato provocato”, la replica di Papagni (leggi).

“Volevo solo fargli delle domande, ma non parlerei di aggressione”, ha detto Mottola intervistato dal Corriere.

RDM


Aiutaci anche tu a produrre Ossigeno per l’informazione. Puoi farlo in tre modi. 1. Scrivendo il nostro codice fiscale 97682750589 sulla tua dichiarazione dei redditi per assegnare il 5 per 1000 alla nostra ONLUS. Così ci fai una donazione senza spendere un euro. 2. Facendo  una donazione via web a Ossigeno e beneficiando di una detrazione fiscale (leggi). 3. Facendo circolare le notizie e i dati di Ossigeno per rompere il muro del silenzio e dell’indifferenza contro gli attacchi al diritto di dire e di sapere ciò che accade.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.