Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Palermo. Scritte no vax davanti alla sede dell’OdG Sicilia

Sono comparse a fine settembre, si legge: “Stampa nazista”, “I vax uccidono”. Nicastro: “Provocazione immotivata, non discutiamo con chi agisce in questo modo”

OSSIGENO 20 ottobre 2022 – Nella notte fra il 19 e il 20 settembre 2022 a Palermo ignoti hanno tracciato alcune scritte murali con vernice rossa (vedi qui) davanti all’ingresso dell’Ordine dei giornalisti della Sicilia. Sul muro si legge: “Stampa nazista. Servi del Wef-Nwo”, “I vax uccidono”, “Complici del genocidio”. Con Wef si intende il World Economic Forum, il Forum economico mondiale, mentre con Nwo si intende New world order, letteralmente “nuovo ordine mondiale”.

L’Ordine dei giornalisti della Sicilia ha pubblicato una nota (leggi qui) nella quale afferma: “L’Odg Sicilia continua a essere sentinella dell’informazione e organismo a tutela del diritto dei cittadini di essere informati, peraltro sancito dalla Costituzione”.

Franco Nicastro, consigliere dell’Ordine regionale, ha dichiarato a Ossigeno per l’Informazione: “Abbiamo sede in un bene confiscato alla mafia che ospita anche la caserma dei carabinieri e il Centro Studi Borsellino. Dal 2010 l’Ordine dei giornalisti della Sicilia ha sede qui. Queste scritte sono una provocazione immotivata rivolta alle istituzioni e alla stampa, sono portate avanti da un gruppo che non credo abbia grande consenso nell’opinione pubblica. Non abbiamo molto da discutere con chi compie questi gesti”. GB

Leggi anche

Torino. Scritte intimidatorie no-vax e no-war sulla facciata de La Stampa

Covid. 42 giornalisti aggrediti a ottobre-novembre dai manifestanti no green pass

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.