Aggiornamenti

Paolo Berizzi sotto scorta: Io non ho paura

Dal 2017 aveva una protezione saltuaria. Dopo le ultime minacce il suo profilo di rischio è cambiato. Sarà protetto dai Carabinieri

“Io non ho paura, continuerò a fare il mio lavoro come prima”, ha detto Paolo Berizzi il 7 febbraio 2018, il primo giorno della sua vita da giornalista sotto scorta in seguito a minacce di morte. Il cronista di “Repubblica” è da tempo nel mirino di gruppi neonazisti e neofascisti irritati dal suo incessante lavoro di documentazione e di inchiesta, che ha fatto conoscere il recente fenomeno della rinascita e della diffusione di organizzazioni di estrema destra nel Nord Italia.

A proteggerlo è ora una scorta armata dei Carabinieri. Lo ha deciso il Ministero dell’Interno dopo che, nei giorni precedenti, il Comitato provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica di Bergamo aveva segnalato la necessità di assicurargli una protezione più alta, a causa dell’intensificarsi degli insulti e minacce di morte, alcune rivolte ai suoi familiari.

Paolo Berizzi lo ha saputo al Comando Provinciale dei Carabinieri di Bergamo, dove è stato convocato il 6 febbraio 2018.

Dall’aprile del 2017 il giornalista era protetto con un servizio di cosiddetta tutela dinamica a seguito delle molteplici minacce ricevute in vario modo: di persona, via social network, con scritte sui muri della sua abitazione, striscioni per strada e sui cavalcavia.

“Con la scorta – ha dichiarato Paolo Berizzi a Ossigeno – la mia vita  è cambiata. Lo so, sarò meno libero di muovermi, anche la mia vita privata ne risentirà, ne sono consapevole. Accetto di pagare questo prezzo per continuare a difendere la libertà  di tutti. La scorta non mi impedirà di continuare a denunciare l’attività dei gruppi neofascisti, come è necessario, come faccio da dieci anni. Continuerò a fare il mio lavoro come prima. Io non ho paura. Non mi faccio intimidire. Continuerò perché è necessario tenere i riflettori sempre accesi su questo preoccupante fenomeno di nuovi gruppi fascisti che si muovono sempre più apertamente, anche perché sembra che abbiano trovato nuove sponde politiche”.

ASP

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.