Violazioni verificate

Per Ruotolo più protezione dopo ultime minacce

Lo scorso febbraio gli avevano annunciato la sospensione del servizio di scorta. La magistratura indaga sui responsabili dei nuovi attacchi

La scorta del giornalista Sandro Ruotolo, presidente dell’Unione cronisti della Campania, e collaboratore di Fanpage, è stata rafforzata dopo le ultime minacce su cui sta indagando la magistratura. Il profilo di rischio del giornalista è ora considerato più elevato. Un notevole cambiamento se si spensa che a febbraio del 2019 gli era stata preannunciata la sospensione del servizio di scorta come conseguenza di una situazione di rischio ritenuta meno grave (vedi).

LE MINACCE DI AGOSTO – Ad agosto 2019 Sandro Ruotolo aveva subito plateali minacce di morte via twitter . “Fossero tutti come te con un proiettile alla nuca ne toglieremmo 6”, ha scritto un utente Italia ha indagato la Procura di Grosseto. Nei giorni precedenti, con un tweet, Sandro Ruotolo aveva criticato il Ministro degli Interni allora in carica Matteo Salvini, e in particolare modo contro la sua dichiarazione con cui aveva definito “zingaraccia” una persona che lo aveva a sua volta criticato.

Sandro Ruotolo di solito non da seguito agli insulti e alle minacce che riceve attraverso i social network, ma stavolta ha ritenuto opportuno farlo. “Ho denunciato questo episodio – ha spiegato a Ossigeno – perché le parole hanno un valore e un peso. Non si può accettare che vengano usate per scatenare l’odio. Ho invitato la magistratura ad accertare se questo signore che mi ha promesso un proiettile alla nuca e gli altri che hanno seguito la sua scia siano stati istigati da qualcuno, e a scoprire chi è che scatena queste campagne di odio”.

La Fnsi, il SUGC e l’Ordine dei Giornalisti e Ossigeno hanno espresso piena solidarietà e vicinanza a Sandro Ruotolo.

Leggi le altre notizie di Ossigeno su Sandro Ruotolo

ASP

Leggi la notizia su OPEN 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.