Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Eolico e affari siciliani. GIP di Potenza archivia querela a Basilicata24

E’ giornalismo d’inchiesta, ha stabilito il giudice respingendo l’opposizione del querelante al proscioglimento proposto dal pm
OSSIGENO – 30 settembre 2022 – Nell’articolo per il quale i giornalisti Giusi Cavallo e Michele Finizio, direttore e vicedirettore di Basilicata24, sono stati querelati non c’è diffamazione, si tratta di giornalismo d’inchiesta esercitato in modo corretto. Lo ha stabilito l’ordinanza del GIP di Potenza, Antonello Amoroso, il 26 luglio 2022, dopo aver esaminato le contestazioni del querelante, l’imprenditore Donato Macchia, che si era già opposto all’archiviazione proposta dal pubblico ministero. Pertanto, dopo una udienza in camera di consiglio la querela è satat archiviata,
“Con quest’ordinanza si apre uno scenario di giustizia e di tutela della libertà di stampa”, hanno commentato i giornalisti querelati, pubblicando astralci dell’ordinanza su Basilicata 24. (leggi)
L’articolo “Eolico in Basilicata. I legami con gli affari siciliani” pubblicato il 15 ottobre 2019 è una puntata dell’inchiesta sullo stesso tema che riferisce informazioni sui complessi intrecci societari fra imprese che progettano impianti eolici in Basilicata e altre che operano in Sicilia. Negli articoli sono citate società che fanno capo a Donato Macchia, a Vito Nicastri (definito “il re dell’eolico”) e ai suoi grandi progetti nel Siracusano e a Santi Valenti, indicato come imprenditore “a disposizione del clan Rinzivillo di Cosa Nostra”.
Ossigeno esprime solidarietà ai giornalisti Giusi Cavallo e Michele Finizio ed esprime apprezzamento per l’operato del giudice Antonello Amoroso. Troppo spesso in Italia ci vuole un avvocato e un giudice, ci vogliono il coraggio e le spese necessarie per andare in giudizio per fare valere i principi cardine che legittimano l’attività giornalistica rendendo possibile pubblicare anche le notizie di interesse pubblico sgradite a qualcuno. Perciò Ossigeno promuove la solidarietà verso i giornalisti querelati pretestuosamente e ha creato un Ufficio di assistenza legale gratuita per assistere i cronisti in difficoltà.
ASP
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.