Formazione

A Firenze il 12 nov corso di Ossigeno sulle querele

E’ organizzato in collaborazione con l’Ordine dei giornalisti della Toscana.Vale sei crediti deontologici. E’ la versione aggiornata del seminario già replicato  più di 40 volte (le ultima ad Arezzo, Roma e in Abruzzo) con migliaia di partecipanti e crescente interesse

Nuovo appuntamento con il corso “Querele intimidatorie e minacce. Come prevenirle” (6 crediti deontologici), organizzato da Ossigeno per l’Informazione stavolta in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti della Toscana. Il seminario si terrà il prossimo lunedì 12 novembre a Firenze, nella sala della Confidustria (Via Valfonda 9), dalle ore 14 alle 18.

Il presidente di Ossigeno, Alberto Spampinato, e il segretario Giuseppe Federico Mennella illustreranno ai presenti i dati dell’Osservatorio, in particolare quelli relativi alla Toscana, e discuteranno con loro di: querele temerarie, tutela legale, di legislazione e giurisprudenza italianee e europee e delle proposte per tutelare efficacemente il diritto dei cittadini a essere informati.

Il corso continua a suscitare interesse perché fornisce risposte alle domande che ogni cronista si pone di fronte ai rischi più frequenti in cui incorre nello svolgimento dell’attività giornalistica. Domande su come evitare o ridurre il rischio di azioni legali e su altri problemi, come ad esempio il segreto professionale e le pretese inaccettabili di alcune fonti, problemi con i quali i giornalisti sono alle prese tutti i giorni.

Dal 2014, quando è stato tenuto per la prima volta, il corso ha avuto continui  aggiornamenti ed è rimasto sempre collegato ai temi di stretta attualità. Da allora è stato replicato oltre 40 volte, in dieci regioni, d’intesa con gli ordini regionali e ha registrato complessivamente oltre cinquemila partecipanti registrati formalmente sulla piattaforma dell’Ordine dei Giornalisti. Le ultime repliche si sono tenuti a ad Arezzo, Roma e Luco dei Marsi (Avezzano).

RDM

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.