Memoria

Raffaele Ciriello ucciso “per errore” 19 anni fa in Cisgiordania. Fotografava le guerre

Doveva realizzare un reportage per il Corriere della Sera. Sarebbe stato scambiato per un nemico. Era un medico con la passione per il fotogiornalismo, ricordano la moglie e il giornalista Massimo Alberizzi. La sua storia su Ossigeno – Cercavano la verità

OSSIGENO 12 marzo – di Marilù Mastrogiovanni – Diciannove anni fa, il 13 marzo 2002, a Ramallah, in Cisgiordania, Raffaele Ciriello, 42 anni, medico e fotoreporter freelance italiano, è morto crivellato  da una raffica di proiettili esplosi da un carrarmato israeliano. Per errore, secondo la versione ufficiale. La sua storia è ricostruita sul sito “Ossigeno – Cercavano la verità” www.giornalistiuccisi.it

Era un medico specializzato in chirurgia plastica. Aveva scelto di seguire la passione per il fotogiornalismo. Aveva realizzato reportage sociali in aree di crisi e di guerra: dal Sud America, all’Africa, al Medio Oriente. Le tappe del suo impegno sono tracciate ancora oggi sul sito web “Postcards from hell” – Cartoline dall’inferno  – www.raffaeleciriello.com sul quale pubblicava i suoi lavori. “Aveva realizzato quel sito da solo, lavorandoci la notte”, ricorda a Ossigeno la moglie, Paola Navilli, farmacista.

I REPORTAGE – I primi reportage di guerra arrivarono dalla Somalia, dove era arrivato con il giornalista Massimo Alberizzi, per il Corriere della Sera, che interpellato da Ossigeno lo ricorda con queste parole: “Era un medico oltre che un fotografo. Una volta arrivammo assieme in un posto che era stato appena bombardato. Mi lasciò in mano le sue macchine fotografiche e si mise a cucire le ferite dei ragazzini colpiti dalle bombe. Raffaele era fatto così”.

Il suo interesse per i devastanti effetti dei conflitti sulle popolazioni locali, in particolare sulle fasce più deboli, donne e bambini, emerge dai reportage pubblicati in oltre quindici anni di attività. In questa sua frase, appuntata su un foglio e ritrovata dalla moglie dopo la sua morte, c’è tutto il senso profondo della sua scelta di testimoniare la realtà, sempre dalla parte degli oppressi: “Non so se è vero che i fotografi possano fissare ciò che altrimenti gli altri non riuscirebbero a vedere. Ma ogni volta che leggo di un giornalista o di un fotografo caduti vittime di una granata, o di una pallottola vagante, ritorno alle fotografie che ho scattato, e guardo le persone che ne sono protagoniste. Quando i miei occhi incontrano i loro, mi sembra di capire tutto”.

IL RICORDO DELLA MOGLIE – Nel 19 anniversario della morte, Paola Navilli, la moglie di Raffaele Ciriello, ci ha rilasciato un’intervista per il sito web “Ossigeno – Cercavano la verità”. Non voglio piegare il ricordo di Raffaele alla retorica dell’eroe. Non era un eroe. Era – afferma Paola Navilli – un giornalista-giornalista, anche se era iscritto all’Ordine dei Medici e non all’Ordine dei Giornalisti. Lui onorava la professione medica anche sui campi di battaglia, posando la macchina fotografica per soccorrere i feriti rispondendo così all’eterno dilemma del reporter: se mentre si assiste a una tragedia, si debba fissarla in uno scatto o soccorrere le vittime. Era un giornalista ed era anche un medico, ma la sua memoria è stata rimossa da entrambe le categorie. Leggi l’intervista a Paola Navilli

PERCHE’ SI TROVAVA A RAMALLAH  – L’urgenza di raccontare l’aveva portato in Cisgiordania. Aveva un assignment del Corrriere della Sera, per realizzare un reportage sulla seconda Intifada. Gli israeliani avevano occupato Ramallah e avevano dimostrato subito ostilità nei confronti della stampa: non volevano giornalisti nella zona delle operazioni militari e non volevano fossero scattate foto. Il giorno prima del suo assassinio, avevano fatto il tiro a bersaglio sull’Hotel City Inn, dove albergavano tutti i giornalisti, incluso Raffaele Ciriello. Il 13 marzo del 2002 Raffaele Ciriello fu crivellato a freddo da cinque pallottole 7,62 Nato, mentre altre due andarono a finire su un muro.

NESSUN RESPONSABILE – Il governo israeliano ha parlato di errore: Raffaele Ciriello sarebbe stato scambiato per un soldato palestinese armato di un lanciagranate Rpg. Una svista a cui è difficile credere, perché Ciriello aveva in mano soltanto una piccola telecamera portatile, quando fu ucciso. Nel 2010 è stato riconosciuto dal Governo italiano quale vittima del terrorismo internazionale. Ancora oggi i responsabili della sua uccisione sono sconosciuti.

MM

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.