Aggiornamenti

Roma. 9 provvedimenti cautelari per l’aggressione ai giornalisti al Circo Massimo

Sono accusati di avere assalito cronisti e forze dell’ordine durante una manifestazione di protesta. Il gip: c’era una ‘precisa strategia’ di attacco

OSSIGENO 26 aprile 2021 – Il gip del Tribunale di Roma Ezio Damizia, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare a carico di nove persone per gli scontri avvenuti al Circo Massimo il 6 giugno del 2020 durante una manifestazione di ultras di varie tifoserie calcistiche e di militanti di estrema destra su cui ha già riferito Ossigeno (vedi). Negli scontri rimasero feriti dieci agenti e un videomaker. Si è trattato, si legge nel provvedimento, di “una precisa strategia caratterizzata da comportamenti aggressivi e violenti orientati contro le forze dell’ordine e gli organi di stampa”.

I FATTI – Centinaia di ultras di tifoserie provenienti da tutta Italia e i militanti di Forza Nuova e Casa Pound riuniti al Circo Massimo a Roma, protestavano contro i provvedimenti restrittivi del governo per contenere la pandemia da Covid. Aggressioni e violenze iniziarono dopo una lite fra alcuni organizzatori nata perché uno di loro aveva rilasciato dichiarazioni a un giornalista. Furono lanciati bombe carta, sassi e bottiglie contro giornalisti e poliziotti al grido di “Giornalista terrorista”. Rimasero feriti dieci poliziotti e un videomaker, colpito alla testa con l’asta di una bandiera.

L’INDAGINE – I pm di piazzale Clodio, con l’ausilio della polizia e della DIGOS, hanno ricostruito l’accaduto e identificato alcuni responsabili che, il 20 aprile 2021, sono stati raggiunti da provvedimenti cautelari del gip Damizia. La manifestazione, scrive il giudice Damizia, “organizzata e pubblicizzata con l’intento di esprimere un dissenso verso i provvedimenti del governo, è diventata invece il pretesto per porre in essere studiate e programmate azioni di guerriglia urbana che hanno avuto come bersaglio i giornalisti e le forze dell’ordine”. LT

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.