Libertà di stampa

9 giugno. Spampinato (Ossigeno): “L’informazione è un’arma che non spara ma influisce”

Il presidente dell’Osservatorio ricorda Andrea Rocchelli e propone una Corte penale internazionale per accertare responsabilità su morte cronisti 

OSSIGENO 9 giugno 2022 – Fare giornalismo in zone di guerra “è come saltare in un cerchio di fuoco”. È quanto afferma il Presidente di Ossigeno per l’Informazione, Alberto Spampinato, aprendo il convegno “Guerra, pace, informazione – I rischi dei giornalisti. Il caso Ucraina”, a Roma presso la Casa del Jazz.

La missione di Ossigeno è quella di occuparsi “di realizzare le condizioni che consentono ai giornalisti di fare liberamente e in sicurezza il proprio lavoro – prosegue – senza subire ritorsioni, minacce, intimidazioni. Spesso (i cronisti, ndr) corrono dei rischi per il luogo e per le informazioni scomode che gestiscono, anche quando pubblicano informazioni vere, attuali e di interesse pubblico che hanno il difetto di essere sgradite a qualche potente che ha capacità di ritorsione e di influenza”.

Per esemplificare quanto sia difficile individuare e punire i responsabili della morte di un cronista, Spampinato cita il caso del fotoreporter italiano Andrea Rocchelli, ucciso nel Donbass nel 2014. Sulla sua morte la giustizia italiana non è riuscita a fare piena luce. “Questa vicenda giudiziaria dimostra la tesi secondo la quale bisognerebbe investire una Corte internazionale autonoma e indipendente di tutti i casi in cui vengono uccisi dei giornalisti, per accertare la verità, per sfuggire a una prassi comprovata che fa prevalere una qualche forma di ragion di Stato per spiegare il caso con la fatalità e metterci una pietra sopra senza condannare nessuno. Questa proposta a nostro avviso merita di essere discussa e approfondita”.

“L’informazione giornalistica – sottolinea il Presidente di Ossigeno – è un’arma potente, non spara ma influisce sulla realtà, sullo svolgimento degli eventi. Pertanto chi diffonde notizie in nome dell’interesse pubblico e della verità corre sempre il rischio di disturbare gli interessi di qualcuno e di suscitare le sue reazioni scomposte e sproporzionate. Noi di Ossigeno ci siamo sempre schierati dalla parte di coloro che, pur avendo rispettato le regole etiche della loro professione, subiscono minacce e ritorsioni, o addirittura rischiano la vita per farci sapere cosa succede intorno a noi, non soltanto nelle zone di guerra.

DAR

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.