Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Violazioni verificate

Spoleto. Caduta una querela dell’ex sindaco

Assolto dopo otto anni Daniele Ubaldi, direttore editoriale di Spoleto Online. “Il fatto non costituisce reato”.

Il 13 novembre 2019 il giudice Luca Cercola del Tribunale di Spoleto ha assolto dall’accusa di diffamazione a mezzo stampa il direttore editoriale di Spoleto Online, Daniele Ubaldi. Il giornalista, difeso dall’avvocato Michele Faustini, è stato assolto perché il fatto “non costituisce reato”. Le spese legali sono rimaste a carico del querelato. La decisione del Tribunale è arrivata a otto anni dalla querela. In subordine il giudice avrebbe potuto dichiarare il reato già prescritto. Nel corso del processo il pubblico ministero aveva chiesto la condanna a 8 mesi di reclusione

I FATTI – L’ex sindaco di Spoleto, Massimo Brunini, aveva presentato il 20 giugno 2011 la querela con cui chiedeva un risarcimento di 25mila euro, in riferimento a un articolo pubblicato da Daniele Ubaldi su Spoleto Online il primo aprile 2011.

Quell’articolo, dal titolo “Ippodromo di Poreta: Brunini contro Calabresi”, era relativo a un processo penale pendente dinanzi al Giudice di Pace di Spoleto che opponeva lo stesso ex primo cittadino, sindaco di Spoleto per due mandati dal 1999 al 2009, e un assessore della sua giunta, Giampiero Calabresi. Quella vicenda dell’ippodromo aveva generato strascichi politici e giudiziari tra il primo cittadino e l’assessore.

Secondo Massimo Brunini, l’articolo di Daniele Ubaldi aveva offeso la sua reputazione, perché gettava “discredito sulla sua figura, addebitandogli responsabilità (…) per una nota vicenda politica molto sentita a livello locale” e inoltre “indicava un capo di imputazione palesemente errato”. L’ex sindaco contestò anche che, “anziché pubblicare per intero la rettifica del legale, il giornalista ne pubblicava solo uno spezzone”. Il 19 ottobre 2016 il Pubblico Ministero Patrizia Mattei aveva emesso un decreto di citazione a giudizio nei confronti di Ubaldi.

LA SENTENZA – Il Tribunale ha stabilito che Daniele Ubaldi “ha contribuito alla diffusione di una notizia oggettivamente lesiva della reputazione dell’ex sindaco (…) ma lo ha fatto nel rispetto dei canoni di verità, interesse pubblico e continenza espositiva” trattandosi di un personaggio pubblico fra l’altro titolare di una carica elettiva.

Il giornalista ha espresso la sua soddisfazione e ha rilasciato a Ossigeno per l’informazione: la seguente dichiarazione “Con questa assoluzione mi sono tolto un peso. Ho vissuto un periodo difficile sotto l’aspetto professionale ma anche psicologico”.

Daniele Ubaldi deve affrontare un altro processo per diffamazione, a seguito di un’altra querela presentata anch’essa dall’ex sindaco Massimo Brunini per un post pubblicato su Facebook nel febbraio 2016.

Andrea De Tommasi



0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.