Memoria

Ventinove anni fa ucciso in Bosnia il giornalista e attivista Guido Puletti

Era in missione umanitaria. La sua singolare storia, gli scatti che lo raffigurano, un video documentario su Ossigeno-Cercavano la verità 

OSSIGENO 28 maggio 2022 – Ventinove anni fa veniva ucciso il giornalista e attivista Guido Puletti. Aveva 40 anni. Il 29 maggio 1993 si trovava in Bosnia, a Gornij Vakuf. L’emergenza umanitaria, conseguenza dei conflitti scoppiati dopo la dissoluzione della Jugoslavia, lo aveva spinto a impegnarsi per portare aiuti alla popolazione bosniaca.

Quel giorno il convoglio su cui viaggiava fu preso d’assalto dalle milizie irregolari bosniache. Soltanto due dei cinque italiani riuscirono a salvarsi. La loro testimonianza è stata determinante per condannare, prima all’ergastolo e poi a 20 anni di carcere, l’ufficiale responsabile dell’eccidio.

CHI ERA – Guido Puletti coniugava la sua passione per il giornalismo con l’impegno umanitario. La sua storia è ricostruita su Ossigeno-Cercavano la verità (leggi), dove è pubblicato anche il documentario “Guido Puletti. Il mondo che non c’è”, realizzato nel 1998 dall’Associazione Video Democratico di Milano e messo in rete nel 2021 da Ossigeno (guarda).

Guido Puletti nasce in Argentina, dove studia critica letteraria e si impegna fin da giovane nell’attività politica e sindacale. Nel 1977 viene imprigionato nelle carceri del generale Videla. Liberato, si trasferisce in Italia. Si schiera contro le ingiustizie e attraverso l’attività giornalistica racconta le grandi questioni di politica ed economia internazionale, i conflitti che hanno scosso l’America latina, l’Africa del nord e i paesi dell’est europeo tra gli anni Settanta e gli inizi degli anni Novanta.

A Brescia, città di adozione, organizza iniziative e dibattiti pubblici. Nel dicembre del 1992 è tra i cinquecento della Marcia organizzata dai Beati Costruttori di Pace, come è possibile vedere dagli scatti di Cristian Penocchio pubblicati su Cercavano la verità. GPA

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.