Questo episodio rientra tra le violazioni verificate da Ossigeno per l'Informazione

Realizzato nell'ambito del progetto OSSIGENO M.A.P. - MONITOR ASSIST AND PROTECT, co-finanziato da GMDF (Global Media Defense Fund), il Fondo creato nell'ambito della Campagna Globale per la Libertà dei Media nel quadro del Piano d'Azione dell'ONU per la Sicurezza dei Giornalisti e la tematica dell'Impunità. Il GMDF è stato sviluppato con l'obiettivo di facilitare la libertà dei media e migliorare l'accesso dei giornalisti ad una tutela legale specializzata e sensibile alla diversità di genere. Gli autori sono responsabili della scelta e della presentazione dei fatti contenuti in questa pubblicazione e delle opinioni ivi espresse, che non sono necessariamente quelle dell'UNESCO e non impegnano l'UNESCO.

Querelati 14 giornalisti da eredi uomo ucciso ma Gip archivia: legittimo diritto di cronaca

Denunciati dai familiari dell’imprenditore Adelio Bozzoli, scomparso nel 2015 e ritrovato senza vita nel forno della sua fonderia a Marcheno di Brescia  

OSSIGENO 5 aprile 2022 – Archiviazione per i 14 giornalisti denunciati per diffamazione a mezzo stampa da Adelio Bozzoli e dai suoi figli Giacomo e Alex (leggi qui). Adelio è il fratello di Mario Bozzoli, imprenditore scomparso a Marcheno (BS) l’8 ottobre 2015, il cui corpo senza vita è stato rinvenuto nel forno della loro fonderia, situata nello stesso paese.

Il caso giudiziario vede oggi imputato per omicidio volontario e occultamento di cadavere uno dei nipoti dell’uomo ucciso, Giacomo Bozzoli. Adelio Bozzoli e i figli Giacomo e Alex avevano querelato per diffamazione 14 tra giornalisti e conduttori televisivi che avevano seguito con le loro troupe le ricerche dell’uomo e il successivo ritrovamento del cadavere.

Il caso aveva suscitato un grande interesse mediatico (leggi qui). I denunciati erano: Barbara D’Urso, Giuseppe Pizzo, Federica Sciarelli, Marco Livorno, Ines Pisano, Laura Marinaro, Chiara Frattoni, Andrea Biavardi, Battista Valzelli, Gianluigi Nuzzi, Carmelo Abate, Ilaria Mura, Marco Oliva e Laura Almici (che è la sola giornalista di una testata locale, Bresciatoday). La gip Alessandra Sabatucci ha respinto l’opposizione presentata dai legali dei Bozzoli alla prima richiesta di archiviazione avanzata dal sostituto procuratore Mauro Leo Tenaglia, perché i querelati hanno esercitato il loro legittimo diritto di cronaca.

GB

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.