Aggiornamenti

2 Condannati. Aggredirono la troupe di Brumotti a Pescara

Lo annuncia su Facebook Vincenzo Rubano che fu preso a calci e pugni a settembre 2019. Quattro mesi di reclusione per uno, 8 per l’altro. Un terzo uomo ancora sotto processo

Due  uomini che aggredirono Vittorio Brumotti e la troupe di Striscia la Notizia a Pescara, nel settembre del 2019, mentre documentavano lo spaccio di droga nel quartiere Ferro di Cavallo di Rancitelli (leggi), sono stati condannati a pene detentive. Un terzo uomo è ancora sotto processo. Lo ha annunciato su Facebook, il 16 luglio 2020, Vincenzo Rubano, il giornalista collaboratore di Brumotti che in quell’aggressione fu preso a calci e pugni e costretto a ricorrere alle cure mediche del Pronto soccorso cittadino.

“L’altra mattina – scrive Rubano –  due degli aggressori sono stati condannati con il rito abbreviato, il terzo verrà processato con il rito ordinario. Uno (già arrestato anche per l’omicidio di un 35enne) è stato condannato a 4 mesi di reclusione, l’altro a 8”. Gli inquirenti, dopo la consegna dei filmati da parte della troupe, avevano fatto partire le indagini e, a ottobre 2019, sottoposto a misure cautelari tre persone, ritenute responsabili dell’episodio (leggi).

“Non voglio commentare la sentenza, non mi interessa, non ho mai sporto neppure la denuncia per l’aggressione. Ho solo voglia di continuare a svolgere il mio lavoro con l’entusiasmo di sempre. Ma con la speranza che la prossima volta chi ha sbagliato paghi per davvero”, ha scritto Rubano su Facebook, lasciando trasparire un po’ di amarezza per la portata della condanna.

A causa delle sue inchieste e delle ripetute minacce ricevute insieme alla troupe di Vittorio Brumotti, da gennaio 2020, per Rubano è stata disposta una vigilanza (leggi).

RDM

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.