Libertà di stampa

3 maggio. Bonafoni (Regione Lazio), difendere i giornalisti minacciati

La consigliera sottolinea l’importanza del lavoro di squadra e dichiara l’impegno dell’ente regionale nelle scuole per sensibilizzare le coscienze dei più giovani

“La battaglia contro le minacce e le intimidazioni ai giornalisti è molto importante. Dobbiamo vincerla e ci riusciremo soltanto facendo un buon lavoro di squadra, mettendo insieme istituzioni, giornalisti, forze di Polizia, sindacati e la cittadinanza tutta. La Regione Lazio sta facendo la sua parte stando a fianco dei giornalisti nei processi per querele temerarie che rappresentano vere e proprie minacce, come lo sono le macchine che esplodono e  le intimidazioni ai propri cari e ai propri conoscenti”. Lo ha detto Marta Bonafoni, consigliera della Regione Lazio, il 3 maggio 2018 presso la casa del Jazz di Roma, alla celebrazione della Giornata Mondiale della Libertà di Stampa, promossa da Ossigeno per l’Informazione insieme all’AgCom e con il patrocinio dell’UNESCO.

“Noi – ha spiegato – stiamo lavorando nelle scuole per formare le coscienze e facendo rivivere luoghi come questi, beni confiscati alla mafia, affinché siano messi a disposizione della cittadinanza e diventino patrimonio comune con nuovi valori: vogliamo che questi luoghi  attraverso un uso quotidiano diverso e concreto siano in grado di veicolare  un nuovo messaggio”.

Secondo Bonafoni l’Italia ha scalato qualche posto in classifica della libertà dell’informazione ma non è ancora abbastanza, per questo la Regione Lazio – ha ricordato – ha scritto una legge quadro sulla pluralità dell’informazione dove “l’informazione anti-mafia  è tra i parametri di giudizio sulla qualità dell’informazione che viene offerta dai media e dalla rete”. Concludendo Bonafoni, indicando la grande lapide con i nomi di 900 vittime innocenti delle mafie, ha detto: “Dobbiamo  fare uscire dall’angolo questa importante targa con i nomi dei caduti. L’impegno da domani deve essere quello di farla viaggiare dentro la conoscenza e le coscienze  dei cittadini della nostra regione e farla vivere in modo concreto, con iniziative come questa, che vanno oltre la celebrazione di un giorno”.

COA


Aiutaci anche tu a produrre Ossigeno per l’informazione. Puoi farlo nel modo più semplice in tre modi. 1. Scrivendo il nostro codice fiscale 97682750589 sulla tua dichiarazione dei redditi per assegnare il 5 per 1000 alla nostra ONLUS. Così ci fai una donazione senza spendere un euro. 2. Facendo  una donazione via web a Ossigeno e beneficiando di una detrazione fiscale (leggi). Facendo circolare le notizie e i dati di Ossigeno per rompere il muro del silenzio e dell’indifferenza contro gli attacchi al diritto di dire e di sapere ciò che accade.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.